Deputata costretta a votare con neonata in aula Finisco di allattare

Deputata costretta a votare con neonata in aula: “Finisco di allattare”

La Republica News
Pubblicità

https://video.repubblica.it/mondo/california-non-puo-votare-da-casa-deputata-porta-neonata-in-aula-finisco-di-allattare/366423/366974?rss
Copia

<iframe class=”rep-video-embed” src=”https://video.repubblica.it/embed/mondo/california-non-puo-votare-da-casa-deputata-porta-neonata-in-aula-finisco-di-allattare/366423/366974&width=640&height=360″ width=”640″ height=”360″ frameborder=”0″ scrolling=”no”></iframe>
Copia

Le era stata negata la possibilità di votare da casa perché la maternità non è considerata tra le categorie a rischio dalla norme anti-Covid e così Buffy Wicks, una deputata della California, ha guidato per due ore da San Francisco a Sacramento e portato la sua neonata di un mese in aula. “Credo fortemente nella necessità di approvare questa legge”, ha dichiarato quando ha preso la parola in assemblea tenendo tra le braccia la figlia avvolta in una copertina a righe. “Anche Elly la pensa così”, ha detto scherzando dopo che la bambina ha emesso qualche gemito. E poi ha concluso: “Scusate ma adesso vado ad allattare la mia bambina”. Il video è diventato virale sui social media e il presidente dell’Assemblea, Anthony Rendon si è scusato: “Non intendevo mancare di rispetto né al suo ruolo di deputata né a quello di madre”.

Video: Twitter/Buffy Wicks



Go to Source