Diamanti, struzzi e acque minerali: in Sudafrica il tesoro del cassiere di Riina. Ancora bloccata l’inchiesta di Falcone

Pubblicità
Pubblicità

I misteri finanziari di Totò Riina, il capo dei capi di Cosa nostra morto nel 2017, portano ancora al Sudafrica, al rifugio dorato del manager siciliano Vito Roberto Palazzolo. Questa è la storia dell’indagine più lunga e travagliata dell’antimafia: nel 1988 l’allora giudice istruttore Giovanni Falcone chiese di arrestare il finanziere originario di Terrasini, piccolo paesino affacciato sul mare di Palermo, aveva scoperto che c’era lui dietro la colossale operazione di riciclaggio messa in piedi in Svizzera per ripulire i soldi della Pizza Connection, il traffico di droga gestito da Cosa nostra fra il Medio Oriente, la Sicilia e gli Stati Uniti.

Questo contenuto è
riservato agli abbonati

1€ al mese per 3 mesi, poi 5,99€ per 3 mesi

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito

3,50€ a settimana prezzo bloccato

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito, il quotidiano e gli allegati in digitale

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source