041113612 6ac1a454 6fe5 4783 a6de 60ca8d3711ce 14

Direzione Pd, Letta: “Israele si fermi a legittima difesa, pace per due stati unica soluzione”

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

041113612 6ac1a454 6fe5 4783 a6de 60ca8d3711ce 14

“Chiediamo a Israele di fermarsi alla legittima difesa e di non andare oltre, l’escalation sarebbe buttare benzina sul fuoco e chiediamo all’Italia di farsi interprete affinché l’Ue sia protagonista e gli Usa facciano la loro parte, portando una voce di pace. Noi continuiamo a ritenere la soluzione di due popoli e due stati e una pace legittima per i due stati sia l’unica soluzione”. Lo ha detto il segretario del Pd, Enrico Letta, alla direzione nazionale del partito in corso al Nazareno.

Le elezioni amministrative

All’inizio del suo discorso il leader dem ha immediatamente affrontato la questione delle elezioni comunali e delle alleanze. Un tema al centro del dibattito e delle divisioni nel partito, soprattutto dopo il flop dell’alleanza a Roma con i 5Stelle. “Le alleanze sono conseguenze di chi siamo, non definiscono la nostra identità”, ha spiegato. “Guardiamo l’evoluzione dei 5 Stelle con interesse – ha proseguito – e immaginiamo pezzi di strada insieme nella logica che dicevo prima: noi siamo il Pd e abbiamo l’ambizione di guidare questo Paese e l’ambizione di farlo con una coalizione di centrosinistra”.

Poi la questione delle candidature. “Sulle primarie – ha chiarito Letta – credo che l’importanza del metodo che ci siamo dati sia capire la realtà della situazione, senza che sia la scelta in un stanza chiusa del segretario o di due dirigenti. Le primarie a Bologna, Roma e Torino saranno una modalità per parlare delle città e del centrosinistra”.

Letta al contrattacco. Su alleanze e giustizia doppia sfida a Pd e 5S

Rispetto ai candidati in lizza alle primarie, il segretario del Pd si è concentrato sulla sfida nella Capitale. “Un augurio particolare a Roberto Gualtieri – ha sottolineato – che mette al servizio di una grande missione, fondamentale per noi, tutta la sua competenza. E potrà rovesciare la tendenza di questi anni a perdere tutte le opportunità che Roma aveva. La nostra voglia di cambiare pagina va nella direzione della disponibilità di Gualtieri, che si confronterà, essendo il candidato più forte, essendo sostenuto da noi, convintamente, perché riteniamo che Roma debba avere un sindaco globale”.

Il ruolo della maggioranza

Impossibile, poi, non affrontre le questioni relative alla maggioranza e ai prossimi impegni. “Se falliremo sulla spesa fallirà l’Italia e l’idea di Next generation Ue” – ha osservato Letta. Quindi, un appello al premier: “Chiediamo a Draghi di dare una nuova missione alla maggioranza, che non può limitarsi a stare insieme per inviare il Pnrr a Bruxelles e per i vaccini, ma deve avere chiara una direzione di marcia su semplificazione e velocità di spesa”. Gli obiettivi principali che dovrà comunque soddisfare il Pnnr sono, per il segretario del Pd, l’impegno per i giovani e le donne. “Dentro il Piano c’è la clausola di premialità a favore dell’occupazione delle donne e dei giovani, vuol essere un piano di discontinuità rispetto all’Italia degli anni scorsi. Questa clausola – ha precisato il segretario dem – è la nostra bandiera”.

Comunali, flop della svolta rosa nel Pd: nessuna donna candidata alle primarie per i sindaci

Poi, Letta ha esortato i colleghi di partito: “L’agenda dettiamocela noi, non facciamocela dettare da altri. Siamo il Pd, l’unico grande partito italiano, che decide secondo metodi democratici, che ha un dibattito interno vivo, vivace, positivo”. In questo senso, quindi, bisogna andare avanti con la legge contro l’omofobia. “Sul ddl Zan, così come sui diritti – ha annunciato Letta – contrasterò sempre la logica perversa del ‘si-ma’, vanno bene i diritti ma ora c’è altro’. Noi siamo per l’approvazione di quel testo, è il miglior punto di avanzamento nelle condizioni date”.



Go to Source