Disavventura per due cani finiti in un laghetto per la raccolta dell’acqua piovana

Pubblicità
Pubblicità

Se la sono vista brutta due cani, un Husky siberiano e un Segugio scivolati in un laghetto per la raccolta di acqua piovana. Quello che poteva sembrare un gioco si è rivelata una brutta avventura che ha rischiato di costare loro la vita. Per fortuna l’Operazione Simba li ha salvati: da soli non ce l’avrebbero fatta. Erano allo stremo delle forze e il caldo non li aiutava.

È successo in Spagna, a Murcia: gli agenti della Guardia Civil, in collaborazione con la Polizia locale di Librilla, hanno portato a termine con successo un intervento di difficile esecuzione. Tutto è cominciato quando un residente di Librilla impegnato in un’attività sportiva vicino alla Sierra del Cura ha segnalato la presenza di due animali intrappolati una grossa vasca per raccogliere l’acqua piovana: non riuscivano ad uscire, continuavano a scivolare. Il Servizio Protezione Natura (Seprona) della Guardia Civil si è coordinato con la Polizia locale di Librilla per mettere in atto un dispositivo di salvataggio per i due cani intrappolati, garantendo poi il loro trasferimento per le cure necessarie.

Il salvataggio di due cani caduti nel bacino per la raccolta dell’acqua piovana

Un cane irrompe al Tour de France: paura in strada fra i ciclisti

Loo, il gatto che viveva in un water rotto ora ha cambiato vita

I cani si trovavano all’interno di un laghetto con una superficie di 900 metri quadrati e una profondità di circa 15 metri. Nonostante la presenza di una recinzione perimetrale, erano riusciti ad entrare attraverso un buco nella rete metallica, finendo quindi sul fondo della vasca, che era quasi vuota. La pendenza della struttura coperta da materiale plastico impermeabilizzante costituiva un ostacolo insormontabile per gli animali, impedendo loro di uscirne.

Non ce l’ha fatta Peque, il cane scappato dopo l’incidente mortale di Ancona: “Ora da lassù proteggi il tuo fratellino umano di 7 mesi”

Marcel, il gatto sfigurato che dopo dieci anni torna a casa grazie al microchip

Dal momento che non si conosceva la loro condizione e da quanto tempo fossero intrappolati, e considerando anche il caldo, gli agenti hanno deciso di entrare nella vasca utilizzando le attrezzature a loro disposizione. Con la tecnica della discesa in corda doppia hanno raggiunto i cani, che sono stati portati in salvo.

L’Husky siberiano e il Segugio salvati sembrano in buone condizioni di salute: sono stati visitati da un veterinario e riconsegnati ai loro proprietari.

Iron, il cane in fuga verso la libertà dopo 10 anni di segregazione, botte e sofferenze. “Merita un riscatto, una famiglia che lo ricopra d’amore”

Truco, il cane vissuto nell’indifferenza e nella malattia, ora è irriconoscibile

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *