Djokovic, esenzione dal vaccino per positività al Covid a dicembre

Pubblicità
Pubblicità

Novak Djokovic aveva contratto il Covid lo scorso 16 dicembre e per questo aveva ottenuto l’esenzione dall’effettuare in vaccino per entrare in Australia. E’ quanto affermano i legali del tennista serbo numero uno del mondo in un documento depositato in tribunale a Melbourne. “La data del primo test positivo per la PCR Covid è stata registrata il 16 dicembre 2021”, si legge in un documento depositato presso il tribunale federale, che cerca di ribaltare l’annullamento del suo visto per entrare in Australia.

Ora Djokovic può perdere 50 milioni dagli sponsor

Djokovic ha chiesto di poter lasciare il Park Hotel di Melbourne, dove è in isolamento da mercoledì, per potersi allenare in vista dell’Australian Open, primo Slam della stagione al via il 17 gennaio. La richiesta è stata depositata dai legali al tribunale che lunedì prossimo deciderà se revocare l’annullamento del visto.

Djokovic: “Grazie per il sostegno”. La madre: “È in una stanza sporca e piena di insetti come un prigioniero”

Giunto mercoledì scorso in Australia per disputare il torneo vinto nove volte in carriera, Djokovic stato fermato e posto in isolamento nell’albergo perché privo del certificato vaccinale. Nella stessa struttura si trova, per motivi analoghi, la tennista ceca Renata Voracova.

Tiley: “Fatto ottimo lavoro”

Non sembra affatto impressionato dal fuoco di critiche Craig Tiley, numero uno di Tennis Australia finito nella bufera per la vicenda Djokovic. Tiley si è vantato del “lavoro incredibile” della sua squadra in un video pubblicato dal quotidiano Daily Telegraph di Sydney. Rivolgendosi alla telecamera, Tiley ha detto: “Ci sono molte dita puntate contro di noi e molte accuse ci vengono mosse, ma posso assicurarvi che il nostro team ha svolto un lavoro incredibile”.
L’accusa a Tennis Australia è di aver fuorviato i giocatori sui requisiti del vaccino anti-Covid per entrare nel Paese e partecipare agli Australian Open. In un promemoria per i giocatori si informava che avere avuto il covid di recente avrebbe consentito ai giocatori un’esenzione dal vaccino contro il virus. Ma il governo australiano ha affermato che l’indicazione è valida solo per i residenti australiani, non per i cittadini stranieri che cercano di entrare nel paese.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source