Draghi: “Spendere bene i fondi Ue è la priorità del governo. Fermare il divario tra Nord e Sud”

Pubblicità
Pubblicità

MILANO – Utilizzare al meglio le risorse europee del Recovery Fund e tornare a far avvicinare Sud e Centro-Nord. Sono alcuni dei punti evidenziati oggi dal presidente del Consiglio Mario Draghi, intervenuto a “SUD – Progetti per ripartire”, l’iniziativa di ascolto e confronto promossa dalla ministra Mara Carfagna. “Divenire capaci di spendere i fondi” europei a partire da quelli di Next generation Eu “e farlo bene è un obiettivo di questo governo.

“Le risorse di Next Generation EU si aggiungono ad ulteriori programmi europei e ai fondi per la coesione, che mettono a disposizione altri 96 miliardi per il Sud nei prossimi anni. Ma abbiamo imparato che tante risorse non portano necessariamente alla ripartenza del Mezzogiorno”, ha ricordato.

I leader con Draghi: il piano per portare più dosi nella Ue

“Ci sono due problemi: uno nell’utilizzo dei fondi europei, l’altro nella capacità di completamento delle opere pubbliche. A fronte di 47,3 miliardi di euro programmati nel Fondo per lo Sviluppo e la Coesione dal 2014 al 2020, alla fine dello scorso anno erano stati spesi poco più di 3 miliardi – il 6,7%”, ha continuato il presidente del Consiglio. “Nel 2017, in Italia erano state avviate ma non completate 647 opere pubbliche.  In oltre due terzi dei casi, non si era nemmeno arrivati alla metà. Il 70% di queste opere non completate era localizzato al Sud, per un valore di 2 miliardi”.

Beni confiscati alla mafia: “Nel Recovery Plan ci sono 300 milioni, ma non si dice cosa se ne vuol fare”

Secondo il capo del governo è quindi necessario “far ripartire il processo di convergenza tra Mezzogiorno e centro-nord che è fermo da decenni”. Secondo Draghi “tra il 2008 e il 2018 la spesa pubblica per investimenti nel Mezzogiorno si è più che dimezzata”, e questo divario va superato. “Vogliamo fermare l’allargamento del divario e dirigere” i fondi europei e di Next generation Eu “in particolare verso donne e giovani. Il nostro, il vostro successo in questo compito può essere anche un passo verso il recupero della fiducia nella legalità e nelle istituzioni, siano esse la scuola, la sanità o la giustizia”, ha aggiunto.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source