Due israeliani uccisi in Cisgiordania. Hamas festeggia: “Atto eroico”

Pubblicità
Pubblicità

Due israeliani sono stati uccisi a colpi d’arma da fuoco nella zona di Huwara, in Cisgiordania. Lo riporta il Times of Israel che scrive di un “sospetto attacco terroristico” citando fonti mediche e militari. Secondo il giornale le vittime sono due uomini, padre e figlio, un sessantenne e un trentenne, e la sparatoria è avvenuta in un autolavaggio dove sono stati inutili i tentativi dei soccorritori di salvare i due. Subito è scattata la caccia all’uomo delle Idf.

Hamas e Jihad islamica palestinese hanno chiamato “eroico” l’attacco avvenuto nei pressi di Nablus. In un comunicato congiunto – riferito da Haaretz – lo hanno definito “una risposta naturale ai crimini dell’occupazione e una vendetta per il sangue dei martiri palestinesi e i danni ai Luoghi santi.

Le forze di difesa israeliane hanno dichiarato di aver lanciato una caccia all’uomo per l’aggressore e di aver chiuso una serie di strade nell’area. Non è chiaro come l’aggressore sia fuggito.

Huwara è stata a lungo un punto critico in Cisgiordania, grazie a un’arteria principale che attraversa la città, utilizzata regolarmente anche dagli israeliani per viaggiare da e verso gli insediamenti. Gli attacchi terroristici palestinesi in Israele e in Cisgiordania hanno provocato la morte di 28 persone e il ferimento grave di molti altri dall’inizio dell’anno, compresa la sparatoria odierna.

Secondo un conteggio del Times of Israel, nello stesso periodo sono stati uccisi anche 173 palestinesi della Cisgiordania, la maggior parte durante scontri con le forze di sicurezza o durante attacchi, ma alcuni erano civili non coinvolti e altri sono stati uccisi in circostanze poco chiare, anche da coloni israeliani armati.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source