E’ Milano la capitale della lettura

La Republica News

La classifica di Amazon, che per l’ottavo anno consecutivo mette a confronto le città italiane che leggono di più, parla chiaro. E’ ancora Milano la capitale della lettura nel nostro Paese, incontrastata al primo posto tra i centri con più di 90mila abitanti, seguita da Roma – che guadagna la seconda posizione – e subito dopo da Torino. Se poco meraviglia il primo posto di Milano, che da otto anni detiene il gradino più alto del podio nell’acquisto di libri, la vera sorpresa viene da Napoli, che entra per la prima volta nella top ten, e dal Sud in generale. Con Palermo, per esempio, che salta al 13esimo posto (dal 47esimo), oppure con Bari al 20esimo (era al 46esimo): non male neppure Reggio Calabria quest’anno al 36esimo posto (dal 50esimo). Ancora agli ultimi posti invece Siracusa, Alessandria e Foggia. Nell’anno del lockdown alle spalle di Milano, Roma e Torino, scivolano Bologna e Padova, mentre Pisa esce dalla top ten. Tra i nuovi ingressi in top ten,rispetto al 2019, oltre Napoli ci sono Genova e Trieste (rispettivamente in sesta e decima posizione).Milano si conferma anche la città che acquista più eBook. Ma non solo. Tra i generi che i milanesi apprezzano maggiormente c’è la non-fiction, e poi libri di cucina, fantascienza e fantasy, ma anche viaggi, testi motivazionali o di economia e finanza, benessere e anche romanzi rosa. Rimanendo sui generi, Napoli sembra prediligere libri motivazionali, di economia e finanza o benessere, mentre la più “romantica” Verona si aggiudica il quarto posto nella classifica per i romanzi rosa. Firenze e Bologna si confermano amanti della buona tavola, posizionandosi al quarto e quinto posto per i libri di cucina.  Infine, qualche titolo. Per quanto riguarda i libri cartacei preferiti dagli italiani, al primo e secondo posto ci sono due amatissimi dai giovani lettori: Le storie del Mistero di Lyon e Le fantafiabe di Luì e Sofì dei Me contro Te, entrambi diventati famosi come youtuber. Una tendenza che conferma quanto l’editoria per bambini e ragazzi sia ancora trainante nel nostro Paese.


Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi