È morto Flavio Carboni, il faccendiere al centro dei grandi misteri italiani

Pubblicità
Pubblicità

È morto a Roma Flavio Carboni, l’uomo d’affari al centro di molti dei grandi misteri italiani. Carboni, che aveva compiuto 90 anni da pochi giorni, sarebbe stato colpito da un infarto nella notte, secondo quanto riferisce l’Adnkronos.

Caso Calvi, procura di Roma archivia l’indagine bis

Dal crac del Banco Ambrosiano all’omicidio di Roberto Calvi, fatti per i quali è stato assolto in via definitiva, Carboni era stato tirato in ballo in tutti i principali grandi gialli italiani, con alcuni dei quali però – come la Loggia P2 – aveva sempre negato di avere a che fare: “Non ho mai conosciuto Gelli, non ho mai fatto parte della P2”. Anzi, “non ho mai fatto parte della massoneria in generale. Che poi abbia conosciuto tanti personaggi di primissimo piano – come tutti a quell’epoca del resto – che potessero avere simpatie o aderire a logge è un’altra storia”, le sue parole in una recente intervista all’Adnkronos.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source