È morto Jean-Paul Belmondo

Pubblicità
Pubblicità

Se ne è andato a Jean-Paul Belmondo. L’attore francese è morto a 88 anni. A dare la notizia alla France Presse è stato il suo avvocato. Figlio di uno scultore, negli anni del liceo Belmondo aveva coltivato il sogno di diventare uno sportivo più dell’attore, ma dopo la partecipazione a due film importanti come A doppia mandata di Claude Chabrol nel 1959 e La ciociara di Vittorio De Sica nel 1960, quello stesso anno viene consacrato come uno dei maggiori attori francesi con Fino all’ultimo respiro di Jean-Luc Godard, che lo aveva già diretto precedentemente nel cortometraggio Charlotte et son Jules.

Jean Paul Belmondo, 85 anni da scanzonato divo del cinema

Il 9 aprile l’attore di Truffaut e Godard festeggia un compleanno importante, un’occasione per rivedere la sua lunga e ricca carriera. “Simpatica canaglia” del cinema francese, Belmondo (di origine italiana) è stato il volto della Nouvelle Vague per poi intraprendere un filone più commerciale, principalmente composto da commedie e film d’azione fra cui si segnalano i grandi successi di ‘Borsalino’ di Jacques Deray (1970) in coppia con Alain Delon e ‘Il clan dei marsigliesi’ (1972). A Cannes ha ricevuto nel 2011 la Palma d’oro alla carriera e a Venezia nel 2016 il Leone d’oro

‘Belmondo – Le magnifique’, per gli 85 anni un doc su Sky Arte

Dopo il successo con il film di Godard, Belmondo viene contattato da Claude Sautet per recitare accanto a Lino Ventura nel suo noir Asfalto che scotta (1960), molto apprezzato dalla critica.

ANNIVERSARI

Jean-Paul Belmondo, il magnifico mascalzone del cinema francese

ccc

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source