“Ecco come filtra l’aria questa mascherina”. Striscia, la scoperta inquietante su uno dei modelli più diffusi: state attenti… | Video

Pubblicità
Pubblicità

Sullo stesso argomento:

26 gennaio 2021

Bomba su bomba. Capitolo dopo capitolo. Prosegue l’inchiesta di Striscia la Notizia sulle mascherine U-Mask. Dopo aver indagato sui dispositivi di produzione individuale col timbro della presidenza del Consiglio, nel mirino del tg satirico di Canale 5 ci finisce anche “la mascherina più amata da sportivi e vip”, mascherina lascia aperti parecchi dubbi.

Come spiegano dalla redazione di Striscia, sul sito di U-Mask ” il dispositivo viene definito come “l’unica mascherina biotech dotata di una molecola in grado di distruggere i batteri, con una filtrazione del 99.9% e un’efficienza di 200 ore effettive di utilizzo”. Ma il tg satirico mette in discussione la percentuale di filtrazione. Lo ha fatto in passato, esprimendo alcune perplessità e mostrando come alcuni test dimostrerebbero che le cose stiano diversamente”, ricordano.
“A verificare le risultanze emerse dai nostri test saranno – se dovesse essercene bisogno – gli approfondimenti avviati dalla procura di Milano. A seguito di un esposto presentato da un’azienda concorrente, è stato infatti disposto il sequestro di alcuni lotti di mascherine U-Mask per effettuare analisi sulla loro effettiva capacità di filtraggio”, aggiungono dal tg satirico. Il punto è che ora, nel mirino, ci finisce la seconda parte del claim della startup, quella in cui si dice che i filtri interni alla mascherina avrebbero un’efficienza di 200 ore effettive di utilizzo.

Come mostra l’inviato Moreno Morello, “anche in questo caso, infatti, il calcolo sarebbe stato effettuato in modo alternativo e curioso”. “Ma non solo: per correre ai ripari, poco prima dell’inizio della trasmissione, U-Mask aveva inviato ai propri clienti una mail che conterrebbe delle informazioni che saranno confutate da Striscia”, concludono dal tg satirico anticipando il servizio.

Please enable JavaScript to view the comments powered by Disqus.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source