Elezioni comunali 2021: la diretta di oggi 3 ottobre. Urne aperte, sfida al via

Pubblicità
Pubblicità

La partita è iniziata, ora la parola spetta agli elettori. Oggi e domani urne aperte per 12 milioni di italiani che dovranno votare per le elezioni amministrative e la scelta dei sindaci di 1.192 Comuni (1.152 delle 15 regioni a statuto ordinario e 38 Comuni del Friuli Venezia Giulia), oltre che per il nuovo presidente e per i consiglieri della Calabria. In tutta Italia saranno aperte 14.505 sezioni e si potrà votare oggi, domenica 3 ottobre, fino alle 23 e domani, lunedì 4 ottobre, dalle 7 alle 15. Negli stessi orari si voterà anche per le elezioni suppletive della Camera dei deputati nel  collegio uninominale di Siena, in Toscana (dove è candidato il leader del Pd, Enrico Letta), e in quello del quartiere Primavalle, a Roma.

Comunali, test per leader e partiti. La caccia al voto degli indecisi

Un appuntamento in cui un peso fondamentale lo giocherà il dato dell’affluenza, su cui al momento nessun leader di partito sembra voler scommettere o azzardare previsioni. Tra le sfide più importanti ci sono quelle per la scelta dei primi cittadini a Roma, Milano, Bologna, Napoli e Torino. Gli eventuali ballottaggi si terranno domenica 17 e lunedì 18 ottobre.

Comunali, dal lavoro ai rifiuti. Nelle città si vince così

Dove, come e quando si vota

I seggi saranno aperti fino alle 23 di oggi e dalle 7 alle 15 di lunedì 4 ottobre. Possono votare tutti gli iscritti alle liste elettorali del proprio Comune di residenza che abbiano compiuto i 18 anni di età entro il 3 ottobre. Per esprimere il proprio voto è necessario il documento di riconoscimento e la tessera elettorale, su cui è indicato l’indirizzo e il numero del proprio seggio. Nei Comuni al di sotto dei 15mila abitanti non è previsto il ballottaggio e vince il candidato sindaco che ottiene la maggioranza relativa dei voti.

Come si vota il 3 e il 4 ottobre per le elezioni amministrative 2021

Le sfide nelle grandi città

L’attesa dei big dei partiti, dalla Lega al Pd, dai 5S a Fratelli d’Italia, è rivolta soprattutto ai risultati nelle grandi città. Tra i Comuni chiamati a scegliere il nuovo sindaco 19 sono capoluoghi di provincia e di questi sei lo sono anche di regione. Si tratta, oltre a Trieste, di Roma, Milano, Bologna, Napoli e Torino, città dove i risultati elettorali saranno fondamentali a livello politico. Gli altri tredici capoluoghi che andranno alle urne sono Benevento, Caserta, Cosenza, Grosseto, Isernia, Latina, Novara, Pordenone, Ravenna, Rimini, Salerno, Savona e Varese. 

Comunali, Conte e Calenda: i due fenomeni in piazza sfidano la legge di Nenni

Il voto regionale in Calabria

Non si vota solo nei Comuni. Oggi e domani la Calabria è chiamata a scegliere il nuovo governatore. Quattro i candidati alla presidenza, divisi in 21 liste. La coalizione del centrodestra ha scelto per la corsa Roberto Occhiuto, mentre la candidata del centrosinistra è la neurologa e ricercatrice di fama internazionale, Amalia Bruni. Per il Polo Civico è schierato Luigi De Magistris, attuale sindaco di Napoli, mentre l’ex governatore dem della Calabria, Mario Oliviero, ha scelto di non schierarsi con il centrosinistra e tentare autonomamente la rielezione a presidente della Regione.

Regionali Calabria: il predestinato, la scienziata, il magistrato, l’ex in cerca di rivalsa. Le pagelle dei quattro candidati

Le elezioni suppletive

Oggi fino alle 23 e domani dalle 7 alle 15 si potrà votare anche per le elezioni suppletive della Camera dei deputati nel collegio uninominale di Siena, in Toscana, e in quello del Quartiere Primavalle, a Roma. L’eventuale turno di ballottaggio si svolgerà il 17 e 18 ottobre. A Siena è candidato il segretario del Pd, Enrico Letta.

Pd, la partita personale di Letta a Siena: “O di qua o di là, torna il bipolarismo”

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source