Eriksen, condizioni stabili. “Abbiamo parlato con lui, ha ringraziato i compagni”

Pubblicità
Pubblicità

“Questa mattina abbiamo parlato con Christian Eriksen, che ha inviato i suoi saluti ai compagni. Le sue condizioni sono stabili e continua ad essere ricoverato in ospedale per ulteriori esami”. La federcalcio danese fa il punto con una nota sulle condizioni di Christian Eriksen, il centrocampista della nazionale e dell’Inter colpito da malore ieri nei minuti finale del primo tempo di Danimarca-Finlandia a Copenaghen. Eriksen è ricoverato al Rigshospitalet di Copenaghen. “Vogliamo ringraziare tutti per i messaggi di affetto per Eriksen arrivati da tifosi, giocatori e dalle famiglie reali di Danimarca e Inghilterra, associazioni internazionali e club”, scrive la Federcalcio nella nota. “Incoraggiamo tutti a mandare i propri messaggi che saranno certamente inoltrati a Christian e alla sua famiglia”.

Dramma Eriksen: quei nostri figli fragili che corrono senza sosta non sono eroi immortali

Allenamento rinviato

Intanto la nazionale danese ha rinviato l’allenamento in programma oggi. Anche tutte le attività media sono state cancellate. Critiche all’Uefa, che ha deciso di far riprendere la partita tra Danimarca e Finlandia, sono arrivate dalla leggenda danese Michael Laudrup. “Rispetto che la nostra squadra e anche i finlandesi siano riusciti a continuare a giocare. Ma quando succede qualcosa del genere, sono pieni di emozioni e non hanno la visione d’insieme per prendere decisioni importanti”, ha detto Laudrup. “Penso che sia sbagliato dover prendere una decisione così presto dopo un evento così emotivo”, ha detto.

Il defibrillatore e il ruolo di Kjaer

Fondamentale per Eriksen è stato il rurolo del capitano della Danimarca, Kjaer. Il difensore del Milan è stato il primo a soccorrerlo, poi lo ha protetto insieme ai compagni mentre i medici lo curavano, quindi è andato a consolare la compagna del centrocampista dell’Inter. Emozioni forti e tensioni enormi che poi Kjaer ha pagato chiedendo il cambio nella ripresa di una partita che sembrava terminata dopo le scene di panico vissute per le condizioni di salute di Eriksen. “Ho sostituito Kjaer perché era sotto shock – ha detto il ct della Danimarca Kasper Hjulmand – non era convinto di tornare a giocare, quando ha visto che il resto dei compagni era pronto si è deciso anche lui, ma nel secondo tempo non riusciva ad andare avanti e ha chiesto il cambio”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source