Europei: Macedonia del Nord-Olanda 0-3, de Boer avanti a punteggio pieno

Pubblicità
Pubblicità

AMSTERDAM – Non c’era nulla in palio, con l’Olanda già sicura del primo posto e la Macedonia del Nord che attendeva solamente di vivere l’ultima partita di un immenso Goran Pandev in Nazionale. La squadra di Frank de Boer ne ha approfittato per divertirsi un po’ nei tanti spazi lasciati dagli avversari, che pure erano partiti meglio dei padroni di casa: alla fine il 3-0 è un risultato giusto ma pesante per una selezione, quella allenata da Angelovski, che nel suo cammino forse avrebbe meritato almeno di raccogliere un punto.

<<La cronaca della gara>>

Emozione Pandev

Il lato da ricordare della giornata odierna per i macedoni è senza dubbio la passerella che i compagni di squadra hanno voluto riservare a Pandev. Il genoano ci ha provato per un tempo, mettendo in condizione i suoi di segnare invece di cercare la soluzione personale. E quando è uscito dal campo, sostituito per l’ultima volta con questa maglia addosso, si sono formate due ali di giocatori per consentirgli l’addio trionfale, applaudito anche dagli olandesi: in tribuna, in mezzo alla folla, anche un commosso Wesley Sneijder, che con Pandev ha condiviso gli anni interisti.

La partita

Proprio l’immortale Goran aveva dato il via all’azione più pericolosa del pomeriggio macedone, con un tacco che aveva armato il destro di Trajkovski, respinto dal palo. Nel giro di due minuti, il vantaggio olandese: Depay servito da Malen, sinistro rasoterra per l’1-0. L’Olanda, in contropiede e dopo le riconquiste alte del pallone, iniziava così a mettere in enorme difficoltà la difesa avversaria, sfiorando il bis con Dumfries e trovandolo a inizio ripresa con Wijnaldum, pescato bene da Depay dopo che Trickovski aveva salvato sulla linea un colpo di testa di de Ligt. Ancora Wijnaldum per il tris, stavolta in tap-in su conclusione di Depay respinta malamente dal portiere. De Boer assisteva soddisfatto alla prestazione dei suoi, vicini al poker ancora con Wijnaldum – esterno destro di poco alto – e Weghorst, fermato dalla traversa al primo pallone toccato della sua partita. L’Olanda ora deve solo aspettare il nome della sua avversaria, che uscirà dal lotto delle migliori terze.

MACEDONIA DEL NORD-OLANDA 0-3 (0-1)
Macedonia (4-2-3-1): Dimitrievski; Ristovski, Velkovski, Musliu, Alioski; Bardhi (33′ st.Stojanovskij), Ademi (33′ st Nikolov); Trickovski (11′ st Churlinov), Elmas, Trajkovski (22′ st Hasani); Pandev (23′ st Kostadinov). All.: Angelovski.
Olanda (3-4-1-2): Stekelenburg; de Ligt, de Vrij (1′ st Timber), Blind; Dumfries (1′ st Berghuis), Gravenberch, F. De Jong (34′ st Gakpo), van Aanholt; Wijnaldum; Malen (21′ st Promes), Depay (21′ st Weghorst). All.: de Boer
Arbitro: Kovacs (Romania).
Reti: 24′ pt Depay. 6′ e 13′ st Wijnaldum
Recupero: 3′ e 4′.
Ammoniti: Ristovski, Musliu, Alioski e Kostadinov

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source