Europei volley, l’Italia batte la Francia 3-0: venerdì semifinale a Bruxelles

Pubblicità
Pubblicità

FIRENZE – Settima vittoria per 3-0, e semifinale degli Europei conquistata. Le azzurre hanno battuto anche la Francia nei quarti di finale (25-14 29-27….), e ora lasciano l’Italia per le finali che si disputeranno a Bruxelles: l’avversario uscirà dalla semifinale di mercoledì (ore 17 tra Polonia e Turchia). Dopo la vittoria più complicata del previsto con la Spagna negli ottavi, la squadra di Davide Mazzanti ha rischiato di perdere il secondo set, ma è riuscita a difendere il suo percorso netto in un PalaWanny che ha registrato un altro sold out, di fronte al presidente del Coni Giovanni Malagò e quello della Fiorentina Rocco Commisso.

Ekaterina Antropova

Mazzanti ha schierato il sestetto titolare, che come ampiamente annunciato non prevede Egonu, ma Antropova opposto, insieme alle schiacciatrici Sylla e Pietrini in stato di grazia, le centrali Danesi e Lubian, e Orro palleggiatrice.

Davide Mazzanti

Un avvio bruciante nel primo set, proprio Orro centra subito due ace per il 3-0 che innesca una reazione a catena, tra le schiacciate di Pietrini in stato di grazia (6 punti con un ace) e Antropova dilagante (5 fulmini e 2 blocchi), i 3 muri di Danesi, il moto perpetuo di Sylla senza errori in ricezione. Una superiorità che dopo un ace di Pietrini diventa un 9-1 da gestire quando le francesi riprendono un minimo il filo del gioco. Il 25-14 finale fotografa bene la superiorità, ma non abbastanza l’efficacia e lo spirito combattivo con cui le azzurre si sono buttate nel set.

Il ritmo di gioco però cala nel secondo set, lasciando ossigeno alla Francia che si porta in vantaggio. Mazzanti opera il cambio Egonu-Bosio per Antropova-Orro. Paola prima sbaglia ed è 15-17, il baratro si spalanca sul 15-19 ma lo staff azzurro chiama il challenge su un lungolinea e la spunta. Egonu illumina con diagonali, muri, assist (a Danesi per il 20-19), poi dopo 4 punti lascia di nuovo il posto ad Antropova che fa subito 22-20. La Francia non si arrende, anzi impone il primo set point alle azzurre negli Europei. Sylla (6 punti e 2 muri) rimedia ad un errore con un diagonale, Antropova (5) centra un ace, l’Italia ritrova set point che le francesi vanificano, anzi sono di nuovo a un passo dal set, ma un tocco dell’asta rilevato dal challenge mette Pietrini nelle condizioni di murare per il definitivo 29-27.

Il set perso ha avuto come logica conseguenza lo scioglimento della compattezza francese, con le padrone di casa alle prossime Olimpiadi di Parigi comprimarie nel terzo set come nel primo.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *