Europei volley, l’Italia batte la Spagna e va nei quarti: ma che fatica a Firenze

Pubblicità
Pubblicità

A Firenze l’Italia batte la Spagna 3-0 (25-23 25-22 25-19) e si qualifica per i quarti di finale degli Europei di volley femminile, dove incontrerà martedì la Francia. Ma per la squadra di Davide Mazzanti è un brusco risveglio, dopo aver vinto cinque match nel girone eliminatorio senza trovare opposizione. Irriconoscibile la squadra in certe fasi, carente la ricezione, contro una nazionale poco quotata e leggera come chi ha già vinto il suo Europeo, mentre le azzurre hanno probabilmente sottovalutato l’avversario concedendosi lunghe pause. Momenti in cui la Spagna ha realizzato parziali di 5-0, andando in vantaggio sia nel primo che nel set, mentre Mazzanti faceva girare tutta la squadra e alla fine si è affidato, oltre alla qualità decisamente superiore delle azzurre, al carattere di fronte alla possibilità concreta di perdere set e convinzioni.

Davide Mazzanti

L’Italia è partita col sestetto Sylla e Pietrini schiacciatrici, Danesi e Lubian centrali, Orro palleggiatrice, Antropova opposto al rientro, con la novità Parrocchiale libero presto sconfessata. Egonu è entrata acclamata da un Palawanny sold out, ma ha giocato e inciso poco, assistendo all’azione potente di Ekaterina Antropova che ha chiuso sia il primo che il secondo sofferto set, totalizzando prima 8 punti, poi 6 nella fase più turbolenta della azzurre, per chiudere con un bilancio di 17 punti con 4 ace. Ad assisterla le martellate di Pietrini (12) e Sylla (10), in una squadra che ha comunque poco tempo per prepararsi ai traguardi più ambiti.

Dopo aver visto la Spagna andare avanti 21-17 nel primo set, l’Italia sale un altro scalino e si prepara, martedì nei quarti sempre a Firenze, ad affrontare la Francia che ha battuto la Romania 3-1 (25-23, 25-16, 21-25, 25-23). Sperando sopratutto di trovre la vera Italia.

Paola Egonu, nuova vita in Nazionale: “Tifosa o giocatrice, se servo sono contenta”

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *