Eurovision 2023, la scaletta della prima serata. E c’è subito un po’ di italia

Pubblicità
Pubblicità

L’attesa è quasi finita, ancora poche ore e si aprirà la sfida dei cantanti europei dell’Eurovision Song Contest 2023, l’evento non sportivo più seguito al mondo. La prima delle due semifinali, in programma all’Arena di Liverpool martedì 9 maggio, avrà come protagonisti i rappresentanti di 15 dei 37 Paesi in gara. La puntata sarà suddivisa in due parti: nella prima si esibiranno gli artisti di 7 Paesi, mentre nella seconda, gli altri 8.

I conduttori

Ricordiamo che gli spettatori di tutti i Paesi – da quest’anno, anche quelli che vivono negli Stati che non partecipano alle semifinali – potranno prendere parte al televoto alla fine delle esibizioni e scegliere la loro performance preferita. A condurre l’evento ci saranno Alesha Dixon, Hannah Waddingham e Julija Sanina, affiancate dal conduttore Graham Norton.

Per l’Italia, a commentare le tre serate di Eurovision 2023 il 9, 11 e 13 maggio 2023 sarà per il terzo anno consecutivo Gabriele Corsi affiancato da Mara Maionchi. Sul palco a rappresentare il nostro Paese, ci sarà invece il vincitore del Festival di Sanremo 2023, Marco Mengoni, con il brano Due vite.

Quando si esibirà Mengoni

Il cantante di Ronciglione, in provincia di Viterbo, a distanza di dieci anni dalla sua precente partecipazione con L’essenziale, salirà sul palco della Liverpool Arena direttamente nella serata della finale, dunque, il 13 maggio. Tuttavia, potremo soltanto tifare Marco dal momento che, per regolamento, né il pubblico, né le giurie tecniche possono votare per il proprio Paese, quindi sarà impossibile per gli italiani votare per lui.

L’altra Italia

Tuttavia Mengoni non è l’unico italiano in gara: alla manifestazione, infatti, partecipa anche la savonese Alessandra Mele che gareggia per la Norvegia e la band che rappresenta San Marino, i Piqued Jacks. E per loro, poiché gareggiano per un altro Paese, noi italiani potremo votare.

Quando nasce la manifestazione più amata

Lanciato il 24 maggio 1956 dalla Rai sulla falsariga del Festival di Sanremo e del Festival internazionale della canzone, l’Eurovision Song Contest nasce come esperimento di trasmissione di uno show in diretta simultanea in diversi Paesi. La prima edizione vede 7 Stati partecipanti: Italia, Svizzera, Germania, Francia, Olanda, Belgio e Lussemburgo, mentre oggi i Paesi coinvolti sono ben 37.

La guerra e il cambio di location

L’Ucraina, vincitrice della scorsa edizione, avrebbe dovuto ospitare la competizione ma a causa della guerra il testimone è passato nelle mani del Regno Unito, per la precisione alla Liverpool Arena.

La scelta è caduta su Liverpool perché, come ha spiegato il comitato organizzatore, il merito della città britannica è quello di aver dato i natali ai Beatles e ad altre band e artisti molto rappresentativi della scena degli anni 80 e 90, basti pensare a Elvis Costello, The Christians, Frankie goes to Hollywood e molti altri.

Quando e dove guardarlo

L’Eurovision Song Contest 2023 verrà trasmesso in diretta su Rai 2 per le prime due serate in programma: martedì 9 e giovedì 11 maggio 2023 ci saranno le due semifinali, per sabato 13 maggio 2023, in diretta su Rai 1 è invece attesa la finale della manifestazione canora nella quale verrà annunciato il vincitore di Eurovision 2023.

I Paesi in gara

Tra i 37 Paesi in competizione, ci sono i cosiddetti “big five” che accedono direttamente alla finale, ovvero Italia, Spagna, Francia, Germania e Regno Unito. I cinque grandi sono le cinque nazioni che per prime hanno sostenuto economicamente l’Unione europea di radiodiffusione e che tuttora contribuiscono maggiormente.

I “big five” (più uno)

Quest’anno ai “big five” si aggiunge l’Ucraina che, in qualità di vincitrice del 2022, rientra di diritto tra i finalisti e salirà sul palco nella serata conclusiva. La Russia, di nuovo, non prenderà parte alla kermesse, a causa del conflitto ancora in atto.

La gara, prima parte

Norvegia: Alessandra – Queen of kings
Malta: The Busker – Dance (Our own party)
Serbia: Luke Black – Namo mi se spava
Lettonia: Sudden Lights – Aija
Portogallo: Mimicat – Ai coração
Irlanda: Wild Youth – We are one
Croazia: Let 3 – Mama šc!

Seconda parte della serata

Svizzera: Remo Forrer – Watergun
Isreale: Noa Kirel – Unicorn
Moldavia: Pasha Parfeni – Soarele si luna
Svezia: Loreen – Tattoo
Azerbaijan: TuralTuranX – Tell me more
Repubblica Ceca: Vesna – My sister’s crown
Olanda: Mia Nicolai & Dion Cooper – Burning daylight
Finlandia: Käärijä – Cha cha cha

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *