“Ex Ilva, gestione disastrosa”, a rischio il futuro dell’azienda

Pubblicità
Pubblicità

TARANTO – “I Riva e i loro sodali hanno posto in essere modalità gestionali illegali anche omettendo di adeguare lo stabilimento siderurgico ai sistemi minimi di ambientalizzazione e sicurezza per ovviare alle problematiche di cui avevano piena consapevolezza sin dal 1995”. Tratteggiano “una gestione disastrosa che ha arrecato un gravissimo pericolo per la incolumità-salute pubblica” le motivazioni della sentenza del processo Ambiente Svenduto sull’ex Ilva di Taranto: 3800 pagine della Corte d’Assise (presidente Stefania D’Errico) che spiegano le conclusioni del processo, relativo al reato di disastro ambientale imputato alla gestione del gruppo Riva, terminato a maggio 2021 con 26 condanne in primo grado per gli ex proprietari e gestori della fabbrica, per alcuni dirigenti…

Questo contenuto è
riservato agli abbonati

1€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Disdici quando vuoi

Tutti i contenuti del sito

3,99€/settimana prezzo bloccato

Attiva Ora

Disdici quando vuoi

Tutti i contenuti del sito, il quotidiano e gli allegati in digitale

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source