Fabio Volo: “Ho scritto ‘Una vita nuova’ per uscire dal lockdown mentale”

Pubblicità
Pubblicità

“Mi terrorizzano le frasi sul pil e la ripresa economia, chi ci governa, sicuramente bravi economisti, non sono però con gli occhi aperti, perché questa era l’occasione, visto che eravamo fermi, di riparare la gomma per ripartire, invece vogliono tutti risalire sulla macchina e vogliono tutti accelerare”. Con una battuta Fabio Volo introduce il suo nuovo libro “Una vita nuova” (Mondadori), scritto nel periodo della pandemia e pensato per “uscire anche dal lockdown mentale”. Il libro racconta di due amici quarantenni, Paolo e Andrea, che stanno attraversando crisi di varia natura e decidono di partire con una vecchia Fiat 850 per girare l’Italia, tra imprevisti e tensioni. “Un viaggio di liberazione, un bisogno di leggerezza che a un certa punto inizia a mancare”, sottolinea Volo, prossimo a compiere i 50 anni. Tra riflessioni sul racconto e divagazioni sull’attualità, come commenti sull’obbligo di Green pass, si vedono scorrere immagini del film Per tutta la vita, di Paolo Costella, di cui Volo è interprete e che è ora nella sale italiane

Servizio di Valentina Tosoni e Daniele Alberti

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source