Fase 3: PrestitiOnline.it, altro che effetto bonus, famiglie chiedono liquidità

Libero Quotidiano News

Condividi:

23 settembre 2020

Roma, 23 set. (Labitalia) – Mercato dei prestiti ancora in pieno clima vacanziero, con la ‘classifica’ sia delle richieste sia dell’erogato dei finanziamenti poco mossa nel mese di agosto. Secondo i dati raccolti nell’ultimo Osservatorio Prestiti di PrestitiOnline.it, la liquidità rimane sempre l’esigenza primaria nelle richieste di prestiti, con una quota di mercato del 22,6% (era il 22,4% a luglio), mentre in termini di erogato la finalità sul gradino più alto del podio è la ‘Ristrutturazione casa’, con una market share del 21,6%, in leggero calo rispetto al mese precedente (22,1%). Torna poi a contrarsi l’importo medio erogato, scivolato a 10.164 euro rispetto ai 10.720 euro del primo semestre, a fronte di un importo medio delle richieste (anch’esso in calo, ormai da due anni) che si è attestato a 9.941 euro.
Insomma, i bonus governativi, pensati anche per stimolare un sistema economico ingessato da anni, stentano a produrre i loro effetti. A partire dal Superbonus del 110% per le riqualificazioni energetiche degli edifici.
Di certo è ancora presto per poterne valutare la portata, dato che l’incentivo si ricollega anche al meccanismo della cessione del credito (esteso anche al bonus facciate e alle altre detrazioni ordinarie), che sia le famiglie che le imprese e le banche stanno ancora probabilmente prendendo confidenza con lo strumento, che è molto articolato anche se estremamente conveniente e interessante.
Aumentano, tra le famiglie che richiedono un finanziamento, quelle che rientrano nella fascia di reddito compresa tra 10.000 e 20.000 euro, che oggi rappresentano il 49,2% del mercato rispetto al 46,6% del primo semestre 2020. Per trovare un dato più alto bisogna fare un salto nel passato di 4 anni, quando la market share era al 49,9 per cento. E la loro esigenza primaria, come si evince dalla classifica per finalità, è la ‘liquidità’. Un’esigenza, però, che non trova riscontro negli istituti di credito, probabilmente per le garanzie non adeguate che a volte vengono offerte.
Se andiamo a guardare l’erogato, infatti, più della metà dei prestiti complessivi è stata concessa ad agosto alla fascia di reddito 30.000-50.000 euro, con una quota di mercato cresciuta al 52,5% dal precedente 50,1 per cento. Scende invece la market share della fascia 10.000-20.000 (la più bisognosa), passata dal 31,4% al 30,2 per cento. Guardando, poi, alla durata dei finanziamenti, continuano a crescere le richieste a lungo periodo, con la scadenza a 120 mesi che ad agosto è arrivata a rappresentare il 12,4% (9,7% in termini di erogato).
Sarà un altro effetto della pandemia, fatto è che le richieste di finanziamenti nel Nord Italia continuano a crescere. Alla fine del primo semestre 2020 erano arrivate a rappresentare il 48,1% del mercato (nei sei mesi precedenti era al 46,2%, mentre a fine agosto si sono attestate al 50,8%. Di pari passo sono scese le quote di mercato sia del centro (dal 21,7% al 20,5%) sia nel Sud e isole (dal 30,2% al 28,7%). Un trend che trova riscontro anche nello spaccato geografico in termini di erogato: il Nord sale al 47,8%, mentre Centro e Sud scendono rispettivamente al 21,9% e al 30,3%.



Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi