Fase 3: sindaco Palermo, ‘Ue ha sospeso patto stabilità, troppi limiti per i comuni’

Libero Quotidiano News

Condividi:

18 giugno 2020

Palermo, 18 giu. (Adnkronos) – “Stiamo cercando di uscire migliori di come siamo entrati in questo tunnel”. Leoluca Orlando, sindaco di Palermo, parla così ai microfoni de ‘Il mattino di radio 1′ su “come la propria città, seppur colpita marginalmente in termini di vittime, stia provando a rialzarsi dopo la fase acuta della pandemia”. “Palermo è tra le città meno colpite per morti e contagiati dal virus – precisa il primo cittadino – ma abbiamo subito le stesse conseguenze in termini economici. Siamo in una fase di riapertura con un’impostazione che cerca di essere la più progettuale possibile. Come giunta abbiamo approvato il documento ‘Palermo sicura’ dove ‘sicura’ è un aggettivo ma è anche il verbo riflessivo ‘si cura’. Stiamo cercando di uscire migliori di come siamo entrati in questo tunnel ad esempio attraverso l’utilizzo dei servizi online, la prenotazione per fasce orarie dei parchi, del mercato ortofrutticolo dove sembrava impossibile poter mettere ordine”.
Per quanto riguarda la crisi economica, Orlando dichiara: ‘Siamo impegnati sulla ripresa economica, il paese deve cogliere questa occasione per uscirne migliore non soltanto dando risorse ai Comuni che comunque non hanno risorse sufficienti. I Comuni hanno subito danni enormi in termini di mancata fiscalità, mancati incassi e hanno ricevuto da parte dello Stato un ristoro assolutamente insufficiente, ma deve essere anche un’occasione per cambiare un modo di essere. Ad esempio perché continuare a mantenere i vincoli di spesa del patto di stabilità europea quando l’Europa lo ha sospeso? Ce la prendiamo con l’Europa perché diciamo che il patto di stabilità è troppo rigoroso, da mesi l’Europa ha sospeso i limiti di spesa per tutti gli enti pubblici all’interno dei singoli Stati dell’Unione europea e noi continuiamo ad avere questi limiti. Il comune di Palermo, se sbloccassero questi limiti, potrebbe spendere oltre 200 milioni di euro che già ci sono. E poi non continuiamo ancora con questa cassa integrazione senza una riforma della cassa integrazione. Smettiamola di continuare a tenere a casa i lavoratori perdendo un patrimonio umano e impedendo alle imprese di ripartire. Si consenta alle imprese di riaprire, ai lavoratori di tornare a lavorare e si ponga a carico dell’INPS e dello Stato la parte contributiva lasciando che il datore di lavoro paghi la parte retributiva”.
“Non si può aprire un ristorante con una sola persona in cucina. Che alternativa c’è? O apro e vado in perdita con meno clienti per rispettare le distanze oppure li mando in cassa integrazione con la conseguenza che l’impresa non riapre e il lavoratore resta a casa”, dice.



Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi