Fatture false: rinviato processo ai genitori Renzi, ma il giudice ha dubbi sulla malattia di Tiziano

Pubblicità
Pubblicità

E’ stato rinviato al 26 aprile 2022 per legittimo impedimento il processo di appello che vede imputati a Firenze per emissione di fatture false Tiziano Renzi e Laura Bovoli, insieme all’imprenditore Luigi Dagostino. L’istanza di rinvio era stata avanzata questa mattina dall’avvocato Federico Bagattini, difensore di Tiziano Renzi insieme al collega Marco Miccinesi, poiché il padre dell’ex premier si trova ricoverato da ieri sera all’ospedale San Raffaele di Roma.

Nel dispositivo il giudice sembra però nutrire qualche dubbio sulla reale impossibilità di Renzi senior a presenziare alle udienze:”Pur non ricavandosi la prova di un assoluto impedimento a comparire può ritenersi comunque probabile un impedimento dell’imputato a essere presente. in accoglimento istanza difensiva dispone rinvio procedimento 26 aprile del 2022″.

Due le fatture finite nel mirino della guardia di finanza, risalenti al 2015, una per un importo di 20mila euro e l’altra di 140mila euro, relative a studi di fattibilità che Tramor – società di gestione dell’outlet The Mall di Reggello (Firenze) di cui all’epoca era amministratore delegato Luigi Dagostino – aveva incaricato le società Party ed Eventi 6, facenti capo ai genitori dell’ex segretario del Pd. In primo grado Tiziano Renzi e Laura Bovoli sono stati condannati a un anno e nove mesi, mentre a Dagostino è stata inflitta una pena di due anni.
 

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source