Finale degli Europei, a Milano 15 feriti nei festeggiamenti in piazza Duomo: gravi tre ventenni

Pubblicità
Pubblicità

E’ stata un’esplosione di gioia, ma anche di follia, a Milano, quella che ha caratterizzato la notte dei festeggiamenti per la vittoria agli Europei, con 15 feriti soccorsi, di cui tre gravi, in piazza del Duomo. Si tratta di tre ventenni che sono stati ricoverati d’urgenza, due dei quali in codice rosso per lesioni varie tra cui quelle da bombe carta.

Euro 2020, tifosi scatenati sui Navigli: tram bloccati e presi d’assalto

Tutti i soccorsi più gravi sono stati effettuati dal 118 in piazza Duomo e nelle aree limitrofe, dove si sono riversati migliaia di tifosi, da pochi minuti dopo la mezzanotte a circa l’una. In particolare un 21enne di origine straniera è stato ricoverato in codice rosso al Policlinico per una ferita penetrante all’addome dovuta all’esplosione di una potente bomba carta; un 22enne è stato portato, sempre in rosso, al Niguarda, per una ferita penetrante dovuta, pare, a una transenna (non si capisce se gettata contro di lui); un altro 21enne ha invece subito in ospedale  l’amputazione di tre dita di una mano per l’esplosione di una bomba carta.

Euro2020, a Milano piazza Duomo esplode per l’ultimo rigore: “Campioni dopo 53 anni”

Nel corso della nottata sono stati segnalati assalti ai mezzi pubblici, soprattutto ai tram, sui quali molti tifosi sono saliti, cestini dell’immondizia incendiati, tuffi nei Navigli e in Darsena, e anche una rapina a due persone che stavano festeggiando in auto, circondati da alcuni uomini che hanno portato via loro un cellulare. Due di questi, entrambi algerini, sono stati poco dopo arrestati dagli agenti della Polizia locale di passaggio.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source