Fiorentina-Salernitana 4-0, Vlahovic ora ‘vede’ il record di Cristiano Ronaldo

Pubblicità
Pubblicità

FIRENZE — La Fiorentina ingrana la terza e consolida la sua quinta posizione in classifica battendo, al Franchi, l’ultima della classifica. Quella Salernitana dell’ex Franck Ribery, accolto dai tifosi viola con lunghi applausi dopo le ultime due stagioni a Firenze. Ci pensano Bonaventura, il capocannoniere Vlahovic e Maleh allo scadere ad archiviare una pratica che specie nel primo tempo non riusciva a sbloccarsi dallo zero a zero. I ragazzi del tecnico Colantuono erano stati bravi a chiudersi per poi provare a ripartire con Ribery e Simy. Viola invece bravi a creare ma non a far male a Belec e alla retroguardia avversaria. 

<<La cronaca della gara>>

Vlahovic a un passo dal record di Cristiano Ronaldo

Fino al 31’, quando su una respinta della difesa della Salernitana, Bonaventura fa rimbalzare il pallone due volte sul terreno di gioco e poi con un tiro dal limite dell’area, una via di mezzo tra la punta e l’esterno destro, la piazza dove Belec può intuire ma non evitare il vantaggio dei viola. È la rete che sblocca la gara e la Fiorentina avrebbe le occasioni giuste anche per chiuderla nel primo tempo. Allo scadere della prima frazione però è Vlahovic a tenere tutti col fiato sospeso per una botta ricevuta alla caviglia destra. Il serbo si accascia, non riesce a correre, zoppica e rientra negli spogliatoi tra gli incubi dei tifosi viola.

Fiorentina, Italiano: “Attenzione sempre alta, ma la strada è quella giusta”

Quando torna in campo, però, impiega sei minuti per riprendersi gli applausi. Sinistro a incrociare dalla distanza, Belec tutt’altro che impeccabile e Fiorentina che raddoppia. Nel finale però arrivano altre due reti per i viola. Quello di Vlahovic, doppietta, che raccoglie un assist dalla sinistra di Sottil e ritocca le sue personali statistiche. Sono 15 gol in 17 gare di campionato, 32 nel 2021 a una sola rete dal record che in Serie A, in un anno solare, appartiene a Cristiano Ronaldo (nel 2020) con la Juventus. Lo stadio impazzisce e lo applaude a lungo, estasiato. Poi il sigillo di Maleh che, appena entrato, raccoglie una respinta corta di Belec e fissa il risultato sul 4-0. 

Vlahovic, l’inchiesta di Report sui procuratori e il legame con il governo serbo

Salernitana non pervenuta

È tutto in discesa, ma è merito di una squadra, quella viola, capace di soffrire, ricercare con pazienza i giusti pertugi e poi sfondare. Sono 30 punti in campionato, è la terza vittoria di fila per la squadra di Vincenzo Italiano che si coccola Vlahovic ma che esalta la prestazione collettiva di una Fiorentina che gioca, si diverte, è in piena zona Europa e riconcilia Firenze col gioco più amato dalla sua gente. I tifosi della Salernitana incitano e sostengono la squadra per tutta la gara ma si devono arrendere. Non è dal Franchi che riusciranno a prendere i punti necessari per lasciare l’ultimo posto in classifica. 

Salernitana, Colantuono: “Sconfitta per 4-0? Vi farò ridere, ma la squadra non mi è dispiaciuta”

Il tabellino

FIORENTINA (4-3-3): Terracciano 6.5; Odriozola 6 (41’st Venuti sv), Milenkovic 6 (1’st Igor 6), Martinez Quarta 6, Biraghi 6 (41′ st Terzic sv); Bonaventura 6.5, Torreira 6.5, Duncan 6.5 (34′ st Maleh 6.5); Callejon 6 (27′ st Sottil 6.5), Vlahovic 7, Gonzalez 6 In panchina: Rosati, Cerofolini, Amrabat, Benassi, Pulgar, Saponara, Kokorin. Allenatore: Italiano 6.5.

SALERNITANA (4-4-2): Belec 6; Veseli 5.5 (1′ st Delli Carri 6), Gyomber 5.5, Bogdan 5.5, Ranieri 6.5 (45′ st Di Tacchio sv); Kechrida 5.5, L.Coulibaly 6, Obi 5.5 (16′ st Schiavone 6), Kastanos 5.5 (6′ st Bonazzoli 6); Simy 5.5, Ribery 5.5 (45′ st Jaroszynski sv).
In panchina: Fiorillo, Guerrieri, Gagliolo. Allenatore: Colantuono 5.5.

ARBITRO: Ghersini di Genova 5.5.

RETI: 31′ pt Bonaventura, 5′ e 38′ st Vlahovic, 45′ st Maleh.

NOTE: pomeriggio freddo, terreno in ottime condizioni. Spettatori: 18.579, incasso 278.299,51 euro. Ammoniti: Milenkovic, Kastanos. Angoli: 3-1 per la Salernitana. Recupero: 2’pt, 4’st.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source