Firmato Repubblica/8 Ezio Mauro: “Così scoprii la tomba segreta del gerarca nazista Priebke”

Pubblicità
Pubblicità

Il 7 novembre 2013 Ezio Mauro scopre il cimitero dove lo Stato italiano ha sepolto in gran segreto Erich Priebke, il boia delle Fosse Ardeatine, morto l’11 ottobre dello stesso anno. Nessuno voleva seppellire “il corpo del nemico”. La Chiesa cattolica aveva vietato funerali religiosi, il Comune di Roma non accettava le esequie civili, Germania e Argentina – dove aveva risieduto Priebke prima di essere arrestato – non accettava il ritorno della salma. I cimiteri militari tedeschi accoglievano solo i morti in guerra. Come poteva la democrazia assicurargli una degna sepoltura? E come evitare che la tomba del gerarca tedesco diventasse un sacrario nazista, o al contrario fosse oltraggiata dagli avversari? Nella nuova puntata della rubrica Firmato Repubblica, l’allora direttore di Repubblica racconta come si è arrivati a una soluzione, fino a scoprire il luogo sconosciuto dove Priebke è stato seppellito. Sulla croce c’è solo un numero. Così la famiglia potrà ricordarlo. E tutti gli altri dimenticarlo. Lo scoop fa il giro del mondo.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source