Fischi, insulti razzisti e la medaglia tolta: la brutta figura del calcio inglese

Pubblicità
Pubblicità

Il rovescio della medaglia. Gli inglesi che per giorni hanno detto trionfalmente “It’s coming home”, convinti di vincere l’Europeo in casa, hanno fischiato l’inno italiano, hanno insultato i giocatori che hanno sbagliato i rigori, e soprattutto i calciatori sconfitti si sono tolti la medaglia che spetta a chi perde la finale. Mentre il presidente dell’Uefa Ceferin la consegnava, i giocatori se la sfilavano.

Una brutta figura iniziata prima della partita, quando arrivavano forti e chiari dalle tribune di Wembley i fischi all’inno di Mameli. Non sono serviti gli appelli dell’ex nazionale inglese Lineker, di Boris Johnson dei giorni precedenti: i tifosi hanno comunque fischiato l’inno. Gli italiani che erano a Wembley raccontano di poco fair play anche all’uscita dallo stadio: sostengono che i tifosi inglesi abbiano preso a calci e lanciato oggetti verso i locali italiani vicino allo stadio. E sui social hanno rovesciato la frustrazione per la sconfitta insultando i giocatori che hanno fallito il rigore, Rashford, Sancho e Saka. Insulti razzisti condannati dalla federazione e dal primo ministro Boris Johnson che in un tweet scrive “Questa squadra inglese merita di essere lodata, non insultata sui social media. I responsabili di questi terrificanti insulti razzisti dovrebbero vergognarsi”.  La Federcalcio inglese in una nota si dice “sconvolta” dal “comportamento disgustoso” di chi lancia in rete questi messaggi. La polizia di Londra ha condannato l’abuso “inaccettabile” e indagherà sui post sui social media “offensivi e razzisti”. Gli inglesi sostengono di aver inventato il calcio e il fair play: ma c’è sempre un altro lato della medaglia.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source