154529284 bec98e36 391f 4a76 a2b9 b5fdc45dc8c8

Fisco, ecco quanto incasserebbero i Paesi Ue da una tassa globale sulle multinazionali: per l’Italia almeno 2,7 miliardi

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

154529284 bec98e36 391f 4a76 a2b9 b5fdc45dc8c8

MILANO – Un accordo internazionale su un’aliquota minima del 15% alle compagnie multinazionali consentirebbe all’Italia di aumentare il proprio gettito fiscale di 2,7 miliardi di euro nel 2021. Con un’aliquota del 21% salirebbe di ben 7,6 miliardi e di oltre 11 miliardi con un’aliquota al 25%. Con quest’ultima ipotesi le entrate dalle imposte sulle società aumenterebbero in Italia del 30%. E’ quanto risulta da uno studio dell’Osservatorio fiscale europeo, avviato oggi dalla Commissione europea.

A livello dei Ventisette, con l’aliquota del 15% il gettito del blocco aumenterebbe di quasi 50 miliardi, di 100 miliardi con l’aliquota al 21% e di 170 miliardi con l’aliquota al 25%.

Dallo studio dell’Osservatorio fiscale europeo emerge che con un’aliquota minima del 25% applicata ai profitti delle multinazionali dell’Ue, l’Unione europea aumenterebbe le sue entrate fiscali correnti delle società di circa il 50% nel 2021, dai 340 miliardi di euro previsti secondo la normativa attuale a circa 510 miliardi di euro (un aumento di 170 miliardi di euro). Ciò rappresenterebbe un aumento del gettito fiscale di circa l’1,2% del Pil, portando le entrate fiscali aziendali totali dell’Ue dal 2,4% del Pil europeo al 3,6%.

Per le stime, vengono presi in considerazione tre scenari: pieno coordinamento internazionale, coordinamento imperfetto (azione Ue) e scenario unilaterale (azione Stato membro). Nello scenario di pieno coordinamento, ogni Paese raccoglierebbe il proprio deficit fiscale delle multinazionali (ossia la differenza tra quanto le multinazionali attualmente paghino di tasse e quanto pagherebbero se fossero soggette un’aliquota fiscale minima in ogni Paese). Ad esempio, se una multinazionale tedesca ha un’imposta effettiva del 10% sui profitti che registra a Singapore, la Germania imporrebbe una tassa aggiuntiva del 15% su questi profitti per arrivare a un’aliquota effettiva del 25%. Più in generale, la Germania riscuoterebbe tasse extra in modo che le sue multinazionali paghino almeno il 25% in tasse sui profitti che registrano in ogni Paese. Altre nazioni procederebbero allo stesso modo. Con un’operazione del genere il gettito dell’imposta sul reddito delle società nell’Unione europea aumenterebbe di circa 170 miliardi nel 2021, più 50%.

Nello scenario di coordinamento imperfetto, solo i Paesi dell’Ue applicherebbero una tassa minima del 25%, mentre i Paesi extra Ue lascerebbero invariate le loro politiche fiscali. In questo scenario, ogni Paese Ue raccoglierebbe il deficit fiscale delle proprie multinazionali (come nel primo scenario), più una parte del deficit fiscale delle multinazionali situate al di fuori dell’Unione europea, in base alla destinazione delle vendite. Ad esempio, se un’azienda britannica guadagna il 20% delle sue vendite in Germania, Berlino raccoglierebbe il 20% del deficit fiscale di questa società (oltre a riscuotere l’intero deficit fiscale delle multinazionali tedesche). In questo scenario, l’Unione europea aumenterebbe il suo gettito fiscale sulle società di circa 200 miliardi all’anno: 170 miliardi di euro proverrebbero dalla riscossione del deficit fiscale delle multinazionali dell’Ue; ulteriori 30 miliardi di euro proverrebbero dalla raccolta di una parte di il deficit fiscale delle multinazionali extra Ue.

Infine, nello scenario unilaterale, un singolo Paese agisce da “first mover” e decide di raccogliere il deficit fiscale delle multinazionali. In particolare, questa mossa permetterebbe di raccogliere l’intero deficit fiscale delle proprie multinazionali, più una parte (in base al destinazione delle vendite) del deficit fiscale di tutte le multinazionali straniere, utilizzando sempre un 25% di aliquota fiscale minima come riferimento per il calcolo del deficit fiscale di ciascuna impresa. Ciò aumenterebbe le entrate fiscali sulle società del 70%.



Go to Source