Forza Italia, Berlusconi: “Gelmini fuori dalla realtà. Draghi? Meglio resti premier””

Pubblicità
Pubblicità

“Parliamo di problemi concreti e cose serie. Le dichiarazioni di Gelmini sono contrarie alla realtà”. Risponde così alla ministra azzurra agli Affari regionali Silvio Berlusconi. Arrivato a Bruxelles per partecipare al summit del Ppe, il Cavaliere coglie l’occasione per mettere n freno alle accuse dell’ala dei forzisti che lo attaccano per la sue ultime scelte, tra cui l’asse  con i sovranisti, ribadito ieri dopo il pranzo nella sua villa a Roma con Matteo Salvini e Giorgia Meloni. E nella stessa giornata è stato eletto il nuovo capogruppo di Forza Italia alla Camera, Paolo Barelli  (sponsorizzato da Antonio Tajani), nome proposto da Berlusconi ai parlamentari, ma contestato da un’ala azzurra guidata dai ministri Brunetta, Carfagna e, appunto, Gelmini. “Serve un’alternativa moderata e europeista, non mi riconosco nell’ultima era del berlusconismo”, ha attaccato ieri Gelmini. Ma oggi Berlusconi risponde seccamente:  “Non c’è nulla di cui debba preoccuparmi”.

Forza Italia, Barelli è il nuovo capogruppo alla Camera. Sfogo di Gelmini: “Ultima stagione del berlusconismo non mi rappresenta”

Draghi e il Quirinale

Il leader azzurro ha poi risposto alle domande dei giornalisti relative all’elezione del prossimo presidente della Repubblica. E sull’idea che Draghi possa diventare il nuovo Capo dello Stato, come proposto dal Pd e sostenuto anche da Meloni, ha ribadito il no di Forza Italia: “Draghi – ha detto – sarebbe certamente un ottimo presidente della Repubblica, ma mi domando se il suo ruolo attuale continuando nel tempo non porterebbe più vantaggi al nostro Paese”.

Il rapporto con gli alleati

Parlando delle accuse dei dissidenti azzurri rispetto al rinforzamento del legame con Lega e Fdi, Berlusconi ha precisato: ” “Ci deve essere tranquillità da parte dei leader europei. Il centrodestra è lontano da qualsiasi ritorno al passato. FI ha imposto la carta dei valori che deriva proprio dal Ppe”. E sul Carroccio: “La Lega – ha aggiunto il Cavaliere – è ormai distante dal sovranismo. Il percorso per arrivare nel Ppe è un percorso che prenderà del tempo. Io sto lavorando in questa direzione”. Nonostante l’alleanza sia stata rinsaldata, Berlusconi si dice comunque contrario ad alcuni atteggiamenti di Lega e FdI. In particolare, non segue la linea di Meloni e Salvini sulle accuse alla ministra dell’Interno. “Penso – assicura – che Lamorgese sia un ministro di questo governo, che noi sosteniamo tutti convintamente questo governo. Quindi, suggerisco sempre di astenersi da prese di contrasto con i singoli ministri”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source