Francia, malato incurabile si appella a Macron: “Mi aiuti a morire in pace”

La Republica News

PARIGI – Un carattere sovversivo, fino alla fine: in un appello indirizzato ad Emmanuel Macron il 57enne Alain Cocq, affetto da 34 anni da una malattia incurabile e degenerativa, chiede al presidente della Repubblica di “aiutarlo a morire in pace”. Se così non fosse a partire dal 4 settembre smetterà di nutrirsi e di sottoporsi ai trattamenti trasmettendo in diretta Facebook la sua morte.”Lo faccio affinché i francesi si rendano conto di che cos’è l’agonia obbligata per legge”, ha spiegato all’agenzia di stampa francese Afp facendo riferimento alla legge sul fine vita francese, la legge Leonetti del 2005 che autorizza il “lasciar morire”, poi revisionata nel 2016 con l’introduzione del diritto alla “sedazione profonda e continua” quando giudicato necessario. Ed è a questo che fa appello Cocq: avere accesso alla sedazione profonda e continua anche senza l’autorizzazione medica che la riconosce solamente nei casi giudicati terminali e inguaribili e senza passare per un percorso giudiziario come è stato nel caso di Vincent Lambert, il paziente paraplegico morto un anno fa e diventato simbolo della lotta sul fine vita in Francia. Alain si considera un malato terminale da 34 anni, ovvero da quando all’età di 23 anni dopo una caduta viene operato e i medici trovano nel suo organismo un raro caso di “assenza o insufficienza della circolazione sanguigna all’interno degli organi e dei tessuti”. La malattia che gli viene diagnosticata non ha neanche un nome, al mondo si conoscono solo tre casi, incluso il suo, e gli altri due sono morti, spiega ancora la Afp.  repApprofondimento


Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi