Franco sul Pnrr: “Pronti a rivedere se caro-bollette impatta”

Pubblicità
Pubblicità

I costi elevati dell’energia potrebbero avere un impatto sui progetti del Pnrr ma è ancora presto per quantificare: lo ha detto il ministro dell’Economia Daniele Franco. “C’è molta incertezza su quanto a lungo i costi dell’energia resteranno elevati”, e quindi della “dinamica dei costi delle materie prime. E’ presto per avere una quantificazione ma siamo consapevoli che è un problema rilevante e siamo pronti a vedere se questo debba essere affrontato”, ha detto Franco, ricordando che “la normativa Ue prevede una procedura di revisione dei contenuti del piano ove sopravvengano fattori che rimettono in discussione gli obiettivi”.

Meno preoccupante il temuto taglio delle risorse del Pnrr, che a giugno si aggiorneranno sulla base all’andamento del Pil del 2021: sarà di entità molto limitata, appena 200 milioni di euro sugli oltre 191 miliardi del Piano.

Quanto ai prossimi passi del Recovery, il titolare delle Finanze ha spiegato che “sul lato della spesa pubblica, vi è l’impegno a una revisione annuale per il 2023-2025 con il potenziamento degli strumenti di analisi del Mef. Si prevede che ai ministeri siano attribuiti per il 2023-2025 obiettivi di spesa con un Dpcm entro il 31 maggio, con a dicembre una relazione sui risultati”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source