184104859 5e7f9f16 ad3c 4f11 aa53 94e2f8736483

Funivia del Mottarone, “il forchettone già c’era nel 2014”: ecco il video che lo dimostra

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

184104859 5e7f9f16 ad3c 4f11 aa53 94e2f8736483

BERLINO – Le indagini sulla tragedia del Mottarone si arricchiscono di un nuovo, sconvolgente capitolo. L’emittente pubblica tedesca Zdf ha inviato alla procura di Stresa alcuni video che potrebbero aggravare la posizione degli indagati. La trasmissione d’inchiesta “Frontal 21” ha scoperto che nelle immagini di un videoamatore svizzero, Michael Meier, si vede chiaramente il forchettone che ha inibito il freno d’emergenza applicato sull’impianto mentre era in pieno funzionamento già nel 2014. 

Funivia, cosa non torna tra Procura e gip

L’appassionato di funivie vanta un gigantesco archivio di riprese di impianti di risalita. Quando ha saputo dell’incidente del Lago Maggiore che è costato la vita a 14 persone, si è messo a spulciare vecchi video e ne ha trovati tre che dimostrerebbero l’uso della ganascia rossa durante la normale attività dell’impianto. Uno risale al 2014, un secondo al 2016 e l’ultimo al 2018. Nello speciale tv, che verrà trasmesso stasera alle 21, Meier spiega di aver notato “che già nel 2014 il forchettone era inserito mentre c’erano persone presenti nella cabina”. 

La rabbia dei parenti delle vittime: “Un comitato per avere giustizia”

Finora il capo servizio della funivia, Gabriele Tadini, ha sostenuto di aver applicato le ganasce per dieci volte in aprile e a maggio del 2021 per impedire che il freno d’emergenza si attivasse troppo spesso. Ma, se confermate, le immagini del videoamatore svizzero potrebbero dimostrare che quella pessima abitudine di inibire un meccanismo pensato per scongiurare incidenti è molto più antica. 

L’operaio della funivia del Mottarone: “Ho sbagliato a fidarmi non sono un criminale”



Go to Source