Generali, i soci affilano le armi sul piano Donnet per la crescita

Pubblicità
Pubblicità

MILANO – La viglia del cda Generali sul piano triennale è solo l’ultima sfida di due parti che ormai si affrontano a campo aperto. Da un anno le posizioni di Mediobanca, che sostiene l’ad Philippe Donnet, sono avversate da Caltagirone (quasi 8%), Del Vecchio (6,3%, dopo acquisti per altri 19 milioni) e Fondazione Crt (1,3%).

La contrapposizione è deflagrata a settembre, quando, in un crescendo settimanale, i tre soci hanno stretto un patto di consultazione, Mediobanca ha preso in prestito da Bnp Paribas il 4,22% di Generali fino all’assemblea per aumentare il suo grip, il cda Generali s’è spaccato (otto contro quattro) sulla lista per il vertice 2022 preparata dagli uscenti, centrata sul rinnovo dell’ad in…

Questo contenuto è
riservato agli abbonati

1€ al mese per 3 mesi anziché 9,99 €

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito

3,50€ a settimana prezzo bloccato

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito, il quotidiano e gli allegati in digitale

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source