Genoa-Fiorentina 1-4: i viola chiudono i giochi in 45’

Pubblicità
Pubblicità

GENOVA – Non c’è storia tra Genoa e Fiorentina. La squadra di Vincenzo Italiano, giunta alla terza stagione alla guida dei viola, sbanca un Marassi tutto esaurito e mette in chiaro che Gonzalez e compagni stanno uscendo dal mercato estivo rinforzati e più competitivi che mai. Un, due, tre: tutto nel primo tempo. La rete di destro di capitan Biraghi che la piazza al sette, il tap in di Bonaventura su respinta di Martinez dopo il guizzo di Gonzalez che poi si mette in proprio e di testa gela lo stadio dei liguri. Nella ripresa il poker di Mandragora e la rete della bandiera di Biraschi. Poi poco altro. Scorre dolce il tempo per i viola, mentre per il Genoa di Gilardino ci sarà molto da lavorare per far combaciare il tanto entusiasmo della piazza (record assoluto di abbonati) con le ambizioni di una squadra che dovrà salvarsi ma che ha tutto per poter far bene. Da segnalare l’esordio assoluto di Kayode, classe 2004 della Fiorentina e vincitore degli Europei U19 con l’Italia, autore di una grande prestazione e schierato a sorpresa da Italiano sulla destra al posto di Dodò. Per il tecnico della Fiorentina una partenza col botto, così come aveva sognato dopo un’estate che è stata utile per ricaricare le pile e cancellare le due finali perse in Coppa Italia e Conference League.

Nella ripresa la Fiorentina trova la rete del poker, col colpo di testa di Mandragora su assist illuminante di Bonaventura. Poi la rete della bandiera per la squadra di Alberto Giardino, con Biraschi che da solo davanti Terracciano lo batte nel primo tiro in porta per il Genoa. I due tecnici manovrano alcuni cambi, il ritmo si abbassa ma la Fiorentina ne guadagna. Alla fine poche altre occasioni, alcuni buoni spunti per Kayode sulla destra e uno stadio che comunque applaude incoraggiando i propri giocatori all’inizio della stagione. Per la Fiorentina il ringraziamento ai duemila venuti da Firenze e tante buone speranze.

Primo tempo show per la Fiorentina, che non si fa intimorire da un Marassi tutto esaurito e tirato a lucido per il ritorno in Serie A dei rossoblu. La squadra di Vincenzo Italiano, disposta con un 4-2-3-1 di sostanza, vede in Arthur il fulcro del suo gioco. Il centrocampista, arrivato dalla Juventus in prestito con diritto di riscatto, detta ritmi e tempi della manovra. Si muove, si abbassa, svaria da destra a sinistra e ricerca la profondità. Al 5’ il vantaggio: Nzola lavora un pallone e lo allarga a sinistra per Biraghi che entra in area, se lo sposta sul destro e lo piazza al sette dove Martinez può soltanto guardare. Esultanza alla McGregor per il capitano viola, che imita il pugile nella sua camminata. Il Genoa non riesce a reagire, merito della Fiorentina. All’11 il raddoppio: stavolta è Brekalo che allarga sulla destra per Gonzalez, con l’argentino che lascia partire un tiro insidioso sul quale Martinez si allunga e manda sul palo. Sulla ribattuta arriva velocissimo Bonaventura che insacca. I ritmi si abbassano, i viola provano a gestire e Retegui in avanti è troppo solo. Nessun brivido dalle parti di Terracciano e così, al 40’, ecco il tris viola: angolo di Biraghi perfetto per lo stacco altrettanto eccezionale di Gonzalez che in torsione, di testa, la mette alla sinistra di Martinez. Si chiude un primo tempo dominato dalla squadra di Italiano: 70% di possesso palla, 4 tiri in porta e tre gol. Ma soprattutto, in difesa, zero rischi.

Genoa (3-5-1-1): Martinez 5; Bani 5, Biraschi 5.5, Dragusin 5; Hefti 5 (14’ st Vasquez 5.5), Thorsby 5, Badelj 5 (14’ st Jagiello 5), Frendrup 5.5, Martin 5 (14’ st Ekuban 5.5); Gudmundsson 5.5, Retegui 5.5. All. Gilardino 5.
Fiorentina (4-2-3-1): Terracciano 6; Kayode 7 (36’ st Dodò), Milenkovic 6.5, Ranieri 6.5, Biraghi 7; Arthur 7.5, Mandragora 6.5 (36’ st Duncan); Gonzalez 7 (27’ st Sottil), Bonaventura 7.5 (43’ st Infantino), Brekalo 6; Nzola 6.5 (36’ st Beltran). All. Italiano 7.

Arbitro: Ayroldi 6.5.

Note: ammoniti Retegui, Biraghi, Bonaventura, Bani, Milenkovic.

Marcatori: 5’ pt. Biraghi, 11’ pt. Bonaventura, 40’ pt. Gonzalez, 11’ st Mandragora, 13’ st Biraschi.
 

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *