Genoa-Inter 0-3: Lukaku e Sanchez riportano i nerazzurri al secondo posto

La Republica News

GENOVA – L’Inter riconquista il secondo posto, “il primo dei perdenti” come lo ha definito Antonio Conte, a spese dell’Atalanta che ieri ha pareggiato col Milan. Sono 76 infatti i punti dei milanesi adesso, a +1 sui bergamaschi e a -4 dalla Juventus che però domani ha il secondo match ball scudetto in casa contro la Sampdoria, già salva. Non è ancora salvo invece il Genoa che cade a Marassi per 0-3 sotto i colpo di Lukaku (doppietta) e Sanchez. Il Lecce, vincendo domani a Bologna, si porterebbe a un solo punto dal Grifone.Ci pensa LukakuNicola lancia dal 1′ il giovane Rovella che va in marcatura praticamente a uomo su Eriksen; in attacco per il Genoa ci sono invece Pinamonti e Favilli, mentre Behrami viene preferito a Schone. Conte schiera la coppia d’oro Lautaro-Lukaku, mentre in difesa fiducia a Ranocchia con Moses e Biraghi sugli esterni. Parte meglio il Genoa che con coraggio ci prova e un colpo di testa di Pinamonti in controtempo termina di poco sul fondo. L’Inter però, col passare del tempo, prende campo e attacca soprattutto utilizzando la corsia di destra, con Moses che spesso e volentieri mette in difficoltà Criscito. Brozovic ed Eriksen si presentano al tiro da buone posizioni, ma non inquadrano la porta. Lautaro si muove bene, ma spesso fallisce l’ultimo tocco. E allora deve pensarci Lukaku poco dopo la mezz’ora: bel cross dalla sinistra di Biraghi, il belga si libera di Zapata e di testa insacca da due passi. Nel finale punizione per il Genoa che batte Jagiello: bellissimo destro a giro con Handanovic immobile e sfera di nulla sul fondo.Il Genoa ci prova, ma Sanchez e il solito Lukaku la chiudonoDopo una manciata di minuti di secondo tempo, Nicola fa entrare Schone al posto di Behrami e il Genoa ha una grossa chance quando Ranocchia regala palla a Rovella che avanza ma sbaglia l’assist decisivo per Favilli. Cambia anche Conte e Ankersen deve immolarsi per salvare sul neo entrato Borja Valero. Ma l’Inter poi cala anche perché il Grifone spinge forte alla ricerca del pari, trascinato anche dall’ingresso di Pandev. L’occasione più ghiotta però ce l’ha Zapata che raccoglie un cross di Ghiglione ma di testa manda la sfera alta. Gol mancato e gol subito: qualche secondo dopo infatti Moses attacca a destra, perfetto cross basso e Sanchez col piattone destro prende traversa e rete. E’ il gol che di fatto chiude i conti, ma in pieno recupero c’è il tempo per il tris firmato ancora da Lukaku che viene lanciato da Brozovic, entra in area e con un doppio dribbling si libera per il sinistro vincente. Rete numero 23 in campionato per il bomber belga.Genoa-Inter 0-3 (0-1)Genoa (3-5-2): Perin; Goldaniga, Romero, C.Zapata; Ankersen (31′ st Ghiglione), Behrami (14′ st Schone), Rovella (32′ st Destro), Jagiello, Criscito; Favilli (25′ st Pandev), Pinamonti. (13 Ichazo, 22 Marchetti, 3 Barreca, 14 Biraschi, 16 Eriksson, 24 Bianchi, 29 Cassata, 55 Masiello). All.: NicolaInter (3-4-1-2): Handanovic; Skriniar (20′ st D’Ambrosio), Ranocchia, Godin; Moses (38′ st Candreva), Brozovic, Gagliardini, Biraghi (38′ st Young); Eriksen (19′ st Borja Valero); R.Lukaku, Lautaro Martinez (19′ st A.Sanchez). (27 Padelli, 46 Berni, 6 De Vrij, 30 Esposito, 31 Pirola, 32 Agoume, 95 Bastoni). All.: ConteArbitro: Massa di ImperiaReti: nel pt 34′ R.Lukaku; nel st 3′ R.Lukaku e 37′ st SanchezAmmoniti: Criscito, Romero, Ranocchia e Gagliardini per gioco falloso; Handanovic per comportamento non regolamentareAngoli: 6-3 per l’InterRecupero: 1′ e 3′. 


Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi