005401365 067ade3f ce15 4d75 ab07 a5d900298f1c

Genova è su Instagram: la classifica dei 10 migliori profili sulla città

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

005401365 067ade3f ce15 4d75 ab07 a5d900298f1c

Luoghi comuni sui genovesi, tramonti mozzafiato e persino i puffi  che mostrano gli scorci più  belli della città. Genova su Instagram  è in mano soprattutto ai giovani che hanno creato pagine dedicate anche alla riscoperta del dialetto come Cecilia e Andrea i due dottorandi  fondatori di “Around Genova” che traduce i modi di dire genovesi più famosi in inglese .

C’è spazio per gli amanti del pesto e la focaccia al Formaggio ma c’è anche chi come il Cane di San Lorenzo propone itinerari e aneddoti alla scoperta della Superba.

Ecco la nostra guida ai profili da seguire su Instagram per chi vuole conoscere meglio Genova e i genovesi . Ce ne sono altri che seguite e apprezzate? Segnalateceli nei commenti in fondo alla pagina o scrivete a segreteria_genova@repubblica.it.

1) Il Mugugno Genovese (113 mila followers)

Mazzi di basilico regalati al posto dei fiori, cinghiali metropolitani che dormono davanti ai bidoni della spazzatura ma anche le notizie di attualità della città. Il mugugno genovese spopola non solo tra i genovesi ma è seguito da tanti “foresti”, milanesi e torinesi. E’ arrivato fino a Buenos Aires. La pagina, fondata dal 28enne Gabriele Rastaldo è una vera e propria community. «Non ci sono solo i luoghi comuni, cerchiamo di stare al passo con l’attualità – racconta Gabriele -, certo siamo un po’ chiusi di carattere ma i genovesi sono più leali di tanti altri». Ogni giorno arrivano sul profilo 200 segnalazioni e il 70% dei followers non sono liguri. La foto più apprezzata l’arcobaleno sul nuovo ponte San Giorgio nel giorno dell’inaugurazione.

2) Acquario di Genova (54.000 followers)

E’ una tra le attrazioni più visitate della città, e in attesa di poter riaprire le porte per i visitatori reali, si può continuare a conoscere gli animali e i progetti direttamente dalla pagina social. Pinguini, delfini e il lavoro degli operatori a contatto con gli animali. Sulla pagina Instagram anche le video curiosità sui pesci che si trovano nelle vasche. “Sapete come fanno mamma e cucciolo tursiope a chiamarsi e riconoscersi”?

 

3) AroundGenova (24.700 followers)

“The best way to understand #Genova (Genoa) is to understand the expressions of Genoese dialect” (il miglior modo per capire Genova è capire le espressioni del dialetto). Sono partiti da qui Cecilia e Andrea, dottorandi under 30 all’università di Genova che hanno creato un vero e proprio vocabolario social genovese – inglese. Tra le parole più gettonate. “E d dagghela , “emmo za daeto”, “mollo comme a panissa” . Parole che si alternano a foto della città. «Siamo amanti di Genova e il dialetto è parte di noi e della nostra storia- racconta Cecilia Repetti – Abbiamo aiutato tanti amici a scoprire una nuova lingua ma ci seguono divertiti anche tanti over 50».

 

4) Liguria Best sunset (19.200 followers)

Una Liguria infuocata alle luci del tramonto. ”Sun e beauty in Liguria” ( sole e bellezza in Liguria), si legge nella presentazione della pagina Instagram. Le foto arrivano direttamente dai followers, locali e turisti alla scoperta della Liguria ma a raccogliere gli scatti è “Liguria Best sunset” che ha condiviso più di 7mila immagini dagli scorci di Lerici al lungomare di Pegli, dal telegrafo monte Parodi, con gatto incluso, alla Zero Beach di Alassio.

5) Loves Genova (17.400 followers)

“Le migliori immagini di Genova”. La pagina è un collage di foto che vi porteranno alla scoperta della Superba, dai forti alla passeggiata di Nervi, da villa Pallavicini a Boccadasse.  Più di 6 mila scatti ripresi dagli utenti che hanno visitato la città.

 

6) Il fotografo dei puffi (8.790 followers)

C’è puffetta che si mangia un gelato a Boccadasse, grande puffo accanto al sindaco di Genova Marco Bucci e un puffo steso al sole a due passi dalla piazzetta di Portofino. Il fotografo dei puffi è Claudio Tallone, 43enne genovese che ha unito la passione della fotografia a quella per i piccoli gnomi blu. E sono loro a guidarvi tra gli scorci più suggestivi di Genova e la Liguria  a raccontare aneddoti e tradizioni come a Leggenda del Polpo di Tellaro a La Spezia. Senza dimenticare l’attualità. Potete trovare Puffetta a lavorare in smartworking da piazza della Vittoria.

7) Pestolovers (7.450 followers)

“Il verde ci fa godere” è lo slogan della pagina dedicata agli appassionati di pesto in tutte le sue declinazioni. In questa pagina vedrete solo verde, tra piatti di gnocchi al pesto, interi campi di basilico, pesto in bruschette e panini.  Persino la variante con il pesto vegano e il quiz sugli ingredienti che si utilizzano per la preparazione del pesto originale.

 

8) Focacciadirecco_igp (7.070 followers)

“La focaccia che crea dipendenza”.  Il consorzio della focaccia di Recco igp su Instagram mostra persino qualche segreto  per preparar il prodotto più famoso del Tigullio.  La pagina, seguitissima, dagli appassionati e food blogger, mostra la focaccia al formaggio in tutte le versioni, dalla preparazione sfoglia a quando esce dal forno.

9) Pernazz (6.800 followers)

Molti lo ricordano quando vestiva i panni del coniglio al Chiambretti Show ma su Instagram il performer Alberto Pernazza vi porta alla scoperta dei muri genovesi. Un viaggio insolito nel centro storico, dai negozi alle scritte sui muri, senza censure. Tra i post più apprezzati, “Infami, basta strutto nella focaccia” che compare su una saracinesca dei vicoli e “Non si fa credito a causa del Covid, domani potreste non esserci più” immortalato a Finale Ligure.

10) Cane di san Lorenzo (2.150 followers)

Sono partiti dal cane di San Lorenzo, scolpito sulla facciata della cattedrale ma con i loro #itinerarideisegreti provano a far conoscere Genova e gli aneddoti legati alla sua storia. Una viaggio in città,  guidati proprio dal cane di San Lorenzo.  La pagina è stata aperta un anno fa da Matteo Fallabrini, 29 anni copywriter tornato a Genova a causa del lockdown che ha avviato una collaborazione con la pittrice Annalisa Diani.



Go to Source