Genova, uccisero il padre violento: due fratelli condannati a 21 e 14 anni

Pubblicità
Pubblicità

La Corte d’Assise di Genova ha condannato rispettivamente a 21 e 14 anni di reclusione Alessio e Simone Scalamandrè, i due fratelli di 30 e 22 anni, accusati di aver ucciso il padre, Pasquale, 62 anni e autista AMT in pensione, al termine di una violenta lite. Successe il 10 agosto 2020, nella casa dove vivevano i fratelli, nel quartiere di San Biagio. La vittima era indagata per maltrattamenti nei confronti della madre dei ragazzi: a quanto ricostruito, si era recato nell’abitazione per chiedere al figlio 30enne di modificare le accuse nei suoi confronti. Ne era nata un’accesa discussione e il ragazzo lo aveva colpito diverse volte.

Alessio e Simone Scalamandré erano imputati di omicidio volontario in concorso, aggravato dal vincolo di parentela, reato per il quale la pena minima è 21 anni (Il pm Francesco Cardona aveva chiesto 22 e 21 anni).
Proprio per questo l’avvocato di Alessio, Luca Rinaldi, aveva sollevato, con il parere favorevole del pm, la questione della legittimità costituzionale dell’articolo di legge previsto dal cosiddetto Codice Rosso, che impedisce che le attenuanti superino le aggravanti in caso di vincolo di parentela.
La Corte d’assise, presieduta dal giudice Massimo Cusatti, non ha ritenuto di inviare gli atti alla Corte ma nel calcolo della condanna del più piccolo dei due fratelli, Simone, ha applicato l’articolo 114 del codice penale che fa riferimento al “contributo minimo” dell’imputato nella commissione di un reato in concorso, una delle poche attenuanti che consente di abbattere sensibilmente la pena, come chiesto dall’avvocato di Simone, Nadia Calafato.

Ucciso a martellate a Pontedecimo, nella notte arrestato il figlio maggiore

I due ragazzi, che hanno assistito silenziosi e composti  alla lettura della sentenza, sono usciti dal palazzo di giustizia insieme ai loro legali che attendono le motivazioni per fare appello. Soddisfatti gli avvocati di parte civile Stefano Bertone, Irene Rebora e Greta Oliveri: “Sentenza che rafforza la nostra convinzione sul fatto che i due imputati in maniera fredda e calcolata abbiano ucciso il loro padre”.

A sostegno di Alessio e del fratello amici e parenti avevano creato su Facebook la pagina  “Comitato tutti per Alessio”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source