Giambruno contro il ministro tedesco: “In Italia fa troppo caldo? Basta spiegarci come vivere. Se non ti sta bene te ne stai a casa tua”

Pubblicità
Pubblicità

“Sono 20-30 anni che in qualche modo i tedeschi ci devono spiegare come dobbiamo vivere noi. E se non ti sta bene te ne stai a casa tua, eh”. Dopo i cambiamenti climatici che “non sono poi una grande notizia”, la nuova intemerata di uno spazientito Andrea Giambruno in studio su Rete4 stavolta ha come oggetto le parole del ministro tedesco alla Sanità Karl Lauterbach che durante la sua recente vacanza in Italia, in un tweet del 13 luglio scorso, aveva decretato la fine del turismo nel Sud Europa e nel nostro Paese in particolare, nel lungo periodo, a causa proprio del cambiamento climatico. 

“Arrivato a Bologna, ora si parte per la Toscana. L’ondata di caldo qui è spettacolare. Se le cose continuano così, queste destinazioni di vacanza non avranno futuro a lungo termine. Il cambiamento climatico sta distruggendo l’Europa meridionale. Un’era volge al termine”, il post del ministro tedesco che ha fatto perdere la pazienza al compagno della premier Giorgia Meloni, conduttore della trasmissione Diario del giorno in onda sulla rete Mediaset. Giambruno giornalista-opinionista commenta allargando le braccia, abbastanza scocciato: “La Merkel sta qua, lui sta sempre qua, se non ti sta bene stai a casa tua – ripete il compagno di Meloni – Stai nella foresta nera, stai bene, no?”. Sorrisino e braccia conserte sul leggio.

Non è la prima uscita di Giambruno che fa discutere: qualche giorno fa durante l’ondata di caldo che ha travolto l’Italia raggiungendo picchi oltre i 40 gradi e con violentissimi nubifragi e grandine che hanno causato danni e morti al nord, per il giornalista di Rete4 il caldo “non è poi una grande notizia”. Come a dire: “In estate ha sempre fatto caldo”. Parole che ricalcano le tesi sbandierate dai negazionisti del clima, solo che trasmesse in tv dal giornalista, conduttore di una striscia quotidiana su Mediaset, compagno della premier. 

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *