Giambruno e le battute negazioniste sul clima al Tg4: “Il caldo non è poi una grande notizia”

Pubblicità
Pubblicità

Temperature sopra i 40 gradi e chicchi di grandine come palle da tennis, ma per Andrea Giambruno, conduttore di Rete 4 e compagno della premier Giorgia Meloni, il caldo che da giorni sta colpendo l’Italia “non è poi una grande notizia”. Come a dire: “In estate ha sempre fatto caldo”. Parole che ricalcano le tesi sbandierate dai negazionisti del clima, questa volta trasmesse in diretta durante la striscia quotidiana Diario del giorno. Così va in scena lo show antiscientifico targato Giambruno: la puntata è quella di martedì 18 luglio, gli ospiti sono la giornalista Karima Moual e Vittorio Feltri, da tempo schierato contro le evidenze del cambiamento climatico.

Gianbruno e l’editorialista di Libero, nonché consigliere comunale di FdI, si danno di gomito: “Direttore – esordisce il conduttore  – la notizia, ammesso che tale sia, è che a luglio fa caldo e probabilmente a dicembre nevicherà, ma secondo gli ambientalisti la colpa è di noi cittadini”. La risposta di Feltri: “Gli ecologisti sono dei conformisti che parlano di caldo record, ma è sempre stato così a partire dagli anni Ottanta. A me del caldo non interessa, non lo soffro e non sudo nemmeno”. 

“Io ascolterei più gli scienziati di Vittorio Feltri, che ha 80 anni e può ricordare le estati e gli inverni che ha passato ma non è uno scienziato”, interviene Moual. L’ex direttore di Libero sbotta: “Non mi rompere i c… con la storia dell’età…”. Giambruno sostiene le tesi del giornalista e politico FdI: “Non c’entra l’età – dice  –  quella di Feltri è un’opinione condivisibile”. Poco dopo, però, è la stessa inviata del programma a contraddire l’opinione che domina in studio.

Giambruno apre il collegamento con Rossella Grandolfo, inviata a Bari: “Va data ragione agli scienziati dell’Ipcc dell’Onu, che studiano tutto questo e che purtroppo per tutti noi hanno confermato che le ondate di calore rispetto agli anni Ottanta sono aumentate e soprattutto si sono ravvicinate di gran lunga”. Il conduttore non gradisce l’uscita dell’inviata, ma Grandolfo continua elencando le temperature record toccate negli ultimi giorni nelle città italiane: 42 gradi a Roma, 44 a Taranto. Dallo studio Giambruno prova a minimizzare per poi lanciare il servizio sul caldo. Il titolo: “Clima impazzito o è solo estate?”. 

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *