Gianni Vattimo testimone in aula: “Io vittima di circonvenzione? No, ho fatto una bella vita e aiutato gli altri”

Pubblicità
Pubblicità

La voce così flebile che a stento si percepisce nella grande aula di tribunale, le dita sottili che fanno piccoli gesti nell’aria a completare le frasi, lo sguardo che spesso si abbassa, per prendere tempo, per misurare le parole. Il filosofo Gianni Vattimo, 86 anni, per due ore e tre quarti ha risposto alle domande dei pm, della difesa e della giudice chiamati a chiarire la sua relazione con il trentottenne Simone Caminada, che da una decina d’anni è alle sue dipendenze, stipendiato per occuparsi degli affari e delle questioni quotidiane del professore e ora finito a processo con l’accusa di circonvenzione d’incapace per il fatto di vivere alle sue spalle e anche di essersi sistemato…

Questo contenuto è
riservato agli abbonati

0,25 € alla settimana per tre mesi

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito

3,99€ a settimana,prezzo bloccato

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito, il quotidiano e gli allegati in digitale

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source