Giochi Europei: Ceccarelli vince i 100 metri, l’Italia conquista 6 ori e balza in testa al medagliere

Pubblicità
Pubblicità

L’Italia balza in testa al medagliere ai Giochi Europei in corso di svolgimento a Cracovia. La selezione azzurra ha vissuto una seconda giornata trionfale: 14 medaglie di cui 6 d’oro, 5 d’argento e 3 di bronzo. Il totale sale così a 7 ori, 7 argenti e 8 bronzi. Le soddisfazioni più belle sono arrivate dall’atletica e dal tiro a segno. Le gare su pista hanno visto trionfare Samuele Ceccarelli nei 100 metri con il tempo di 10.13.

Il velocista azzurro ha eguagliato il primato personale ottenuto al Golden Gala di Firenze. Argento all’olandese Raphael Bouju in 10.14 e bronzo al britannico Jeremiah Azu in 10.16. Sara Fantini nel lancio del martello (prima con 73.26 metri davanti alla rumena Bianca Florentina Ghelber, con 72.97, e alla finlandese Silja Kosonen, con 72.30) e Tobia Bocchi che nel triplo ha saltato al terzo tentativo 16.84 metri, mettendosi alle spalle il turco Necati Er (16.71) e l’ucraino Vladyslav Shepeliev (16.67).

Il salto vincente di Tobia Bocchi

Due ori anche nel tiro a segno grazie a Sollazzo e a duo misto Costantino-Monna

Altri due ori anche dal poligono: Danilo Dennis Sollazzo, dopo il bronzo ottenuto giovedì nel mixed team assieme a Sofia Ceccarello, ha vinto nella carabina 10 metri. Il varesino, in virtù del sesto miglior punteggio (629.5) nelle qualificazioni, si è guadagnato con merito l’accesso al ranking match riservato ai migliori 8 tiratori. Qui ha totalizzato lo score di 261.2, valsogli il pass per l’ultimo atto a due, contro il tedesco Maximilian Bene Ulbrich. Il testa a testa finale ha premiato proprio l’azzurro, che si è messo al collo il metallo più pregiato con un eloquente 17-9. Ha completato il podio il ceco Jiri Privratsky. Il secondo successo lo hanno centrato Sara Costantino e Paolo Monna nella pistola mixed team battendo 17-7 gli armeni Benik Khlghatyan ed Emilia Karapetyan.

Tuffi: oro per Pellacani e Santoro nel trampolino 3 mt sincro

Il quinto oro è arrivato nei tuffi dove la composta da Chiara Pellacani e Matteo Santoro si è imposta nella prova mista dal trampolino 3m sincro. Gli azzurri hanno totalizzato il punteggio di 291.39, piazzandosi davanti alla Gran Bretagna, argento con 283.89 e la Svezia bronzo con 282.60.

Due argenti nell’atletica e nel karate

Nell’atletica sono arrivati anche 2 argenti: Nadia Battocletti nei 5.000 metri ha vinto la sua gara nella division 1 con il tempo di 15’25″09 ma ha fatto registrare un tempo inferiore alla lettone Agate Caune, che nella division 2 ha corso in 15’15″21. Seconda anche Daisy Osakue nel lancio del disco: con la misura di 64.35 metri, realizzata al sesto e ultimo tentativo, l’azzurra ha superato la francese Melina Robert-Michon (bronzo con 64.21) piazzandosi dietro alla tedesca Kristin Pudenz (66.84). Altri 2 argenti sono arrivati dal karate: Daniele De Vivo si è inchinato solo all’ucraino Andrii Zaplitnyi nella categoria -75 gm mentre Clio Ferracuti è stata sconfitta dalla tedesca Johanna Kneer nei +68 kg. Infine argento anche nel nuoto sincronizzato per gli azzurri impegnati nella finale del team tecnico, che ha visto l’ingresso storico di Giorgio Minisini. Esibitisi sul tema dell’inclusione sono stati preceduti solo dalla Spagna.
 

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *