Giorgio Parisi, libri da colorare e collane di fantascienza: “Ecco perché ho scelto di fare il fisico”

Pubblicità
Pubblicità

“Perché ha deciso di fare quello che fa?”. Giorgio Parisi, fresco vincitore del premio Nobel per la fisica 2021, intervenuto alla mostra “Tre stazioni tra arte e scienza” al Palazzo delle Esposizioni di Roma, ha raccontato cosa lo ha spinto a intraprendere la strada che lo ha portato a vincere il premio accademico più prestigioso al mondo. “È una bella domanda – ha detto Parisi – da piccolo ero abbastanza bravo in matematica e poi mi piacevano i libri da colorare, quelli con i pianeti che dicevano quanto era grande Saturno o Giove”. Passione per i libri che negli anni ’50, a dieci anni, lo porta a divorare la storica collana di fantascienza Urania. “Credo che esista ancora. D’altronde la parola fantascienza mette proprio assieme fantasia e scienza”, ha aggiunto. Crescendo la consuetudine con i numeri non si interrompe, fino alla scelta del percorso universitario: fisica, piuttosto che matematica. “Ma in generale, alla domanda su perché ho deciso di fare quello che faccio la risposta è perché sono curioso”, ha concluso il professore, suscitando l’applauso dei presenti.

Di Francesco Giovannetti

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source