184206301 1ab84ad2 47fa 4dea 8bbd 5e329d420535

Giro d’Italia, il passaggio a livello blocca i corridori in fuga: costretti a fermarsi per il treno a Rieti

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

184206301 1ab84ad2 47fa 4dea 8bbd 5e329d420535

Passa il treno tutti fermi.  Le sbarre abbassate di un passaggio a livello hanno rallentato la fuga di cinque fuggitivi al Giro d’Italia. E’ accaduto oggi nel reatino nel corso della decima tappa che ha portato la carovana rosa dall’Aquila a Foligno.

Ciclismo, Giro d’Italia: Sagan domina lo sprint a Foligno. Bernal resta in rosa

I fuggitivi avevano un vantaggio di circa 3 minuti sul gruppo (che poi, nel corso della tappa, ha recuperato e riassorbito) e arrivando ecco all’altezza di Villa Reatina il passaggio a livello chiuso. Il gruppetto, come pure le motociclette che fanno da staffetta e la macchina dell’organizzazione, oltre a quelle dei team dei cinque, si e’ fermato ed ha atteso che il treno regionale transitasse. Poi i cinque hanno ripreso a pedalare verso Porta d’Arce e quindi in direzione di Piediluco. In tutto una quarantina di secondi quelli persi dai fuggitivi.

Ma regolamento alla mano, questo inconveniente e’ equiparato a un guasto meccanico, per cui non e’ previsto alcun recupero, quei secondi sono andati persi. Da ricordare che per i ciclisti c’e’ l’obbligo di fermarsi, ovvero non tentare di passare con le bici sotto le sbarre. In passato e’ accaduto che qualcuno lo abbia fatto, rischiando grosso, e da allora sono scattate severe penalita’ per chi se ne renda responsabile.



Go to Source