Governo Meloni, le ultime news, Conte: “Fascismo, mai abbassare la guardia”. Letta depone corona di fiori su lapide Matteotti

Pubblicità
Pubblicità

Il governo Meloni alla prova simbolica e politica dell’anniversario della marcia su Roma, il 28 ottobre di cento anni fa. Giuseppe Conte è il primo a intervenire: “Non abbassare mai la guardia”. Il segretario Pd Enrico Letta alla lapide di Giacomo Matteotti. Altre iniziative in tutta Italia. La premier al Quirinale nella celebrazione dei “Giorni della Ricerca”. Prevista per le 10 la direzione del Pd che dovrebbe fissare la data del congresso in marzo. A Napoli manifestazione per la Pace. Continua la partita dei sottosegretari.


Governo Meloni: ottiene la fiducia al Senato


Punti chiave

  • Marcia Roma: Letta depone corona di fiori su lapide Matteotti
  • Fascismo: Conte, mai abbassare la guardia per sradicare odio =
     

Renzi: la presidenza della commissione Covid a chi era all’opposizione

“È stata annunciata una commissione di inchiesta sugli acquisti e gli interventi dell’emergenza Covid. Noi non chiediamo la presidenza di questa commissione anche perchè ci sembra più giusto che alla presidenza vada chi era all’opposizione la scorsa legislatura. Ma al di là di chi fa il presidente, posso chiedere perchè tanti colleghi degli altri partiti sono così preoccupati? E’ giusto fare chiarezza su ciò che accadeva mentre morivano decine di migliaia di nostri connazionali. O no?”. Lo scrive nella enews Matteo Renzi.

Provenzano (Pd): “C’è spazio per grande forza riformista”

“M5s dice che sono loro la vera forza progressista, il terzo polo che sono loro i veri riformisti, io credo che lo spazio per una grande forza riformista radicale, perché il PD ultimamente somiglia poco a quello che dice,  ci sia ed è la discussione che dobbiamo fare nel percorso congressuale da subito che intreccia quello dobbiamo fare nel paese”. Così il vicesegretario del PD Giuseppe Provenzano, entrando al Nazareno per la direzione del partito.

Nardella (Pd): “Congresso costituente non si fa in poche settimane”

“Il congresso di una grande organizzazione non si fa in poche settimane, sarebbe una cosa finta. Ho sempre pensato, è inutile cambiare il segretario e lasciare tutto così com’è. Non si cambia l’autista e si lasciano il veicolo, l’equipaggio e la solita destinazione. Lo abbiamo fatto troppe volte”. Lo afferma il sindaco di Firenze, Dario Nardella, rispondendo ad Agorà su Raitre a una domanda sulla lunghezza del percorso congressuale del partito democratico.

“Se deve essere costituente aperto alla società civile, al civismo, ai giovani – aggiunge – deve appassionare un po’, ci vuole il tempo necessario, perché si faccia un lavoro di coinvolgimento, serve però vivere su un altro mondo rispetto a quello che sta succedendo nel paese. Il programma di Giorgia Meloni dà una prateria di opportunità per raccontare e mostrare un modello alternativo sulla sanità, l’educazione, il lavoro”.

Marcia Roma: Letta depone corona di fiori su lapide Matteotti

Il segretario del Pd Enrico Letta, in occasione dell’anniversario della marcia su Roma, ha deposto una corona di fiori sul monumento che ricorda Giacomo Matteotti, nel punto in cui il cadavere del deputato ucciso dai fascisti fu rinvenuto, al lungotevere Flaminio. Con il segretario dem, sono presenti le vice presidenti di Camera e Senato, Anna Ascani e Anna Rossomando, e molti esponenti della segreteria Pd.

“Oggi è il ricordo drammatico del giorno in cui la democrazia finì per mano del fascismo, il ricordo drammatico delle vittime”. Lo dice Enrico Letta deponendo una corona di fiori sulla lapide di Giacomo Matteotti, a Roma, nel giorno del centenario della marcia su Roma. “Un centenario che vuole essere per noi il monito di quando la democrazia finì e comincio il secolo più buio. Questo è un ricordo di tutte le vittime del fascismo e di Giacomo Matteotti. Dobbiamo ricordare quando lo stato italiano alzo bandiera bianca. Oggi l’impegno di tutti in politica è ricordare il momento più buio e rafforzare la democrazia”, ha aggiunto Letta.

Fascismo: Conte, mai abbassare la guardia per sradicare odio =
 

“‘Il fascismo è spregiatore della libertà e della giustizia, oppressore dei deboli, servo dei forti’. Le parole di Ennio Flaiano, che 100 anni fa, ignaro 12enne, si trovò per caso sullo stesso treno che portava le squadracce fasciste verso Roma. In quella ‘marcia’ del 1922 quello che stava succedendo fu sottovalutato da molti”. Lo scrive su facebook Giuseppe Conte, nel giorno dell’anniversario della marcia su Roma.

“Mai abbassare la guardia. Solo così sarà possibile sradicare sul nascere qualsiasi seme di odio e intolleranza, di arroganza e di violenza del potere”, ha aggiunto il leader del Movimento 5 stelle.

Anniversario della marcia su Roma, le iniziative

Iniziative in tutta Italia per i cento anni della marcia su Roma.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source