Governo Meloni, le ultime news. L’esecutivo ottiene la fiducia. Sottosegretari, rush finale sui nomi

Pubblicità
Pubblicità

Il governo Meloni ottiene la fiducia anche al Senato: 115 sì, 79 no e 5 astenuti. Il centrodestra vota compatto. La premier in Aula: “Giudicate sul merito e senza pregiudizi”. E alle opposizioni: “Votate i provvedimenti solo sulla base dell’utilità verso la nazione”. Silvio Berlusconi dopo 9 anni torna in Senato: “Auguri per 5 anni di lavoro”. Matteo Renzi: “Votiamo contro, ma siamo pronti a dialogare sulle riforme” e attacca il Pd. Trattativa sui sottosegretario, è rush finale sui nomi: Forza Italia reclama Editoria e Giustizia, no a Valentino Valentini agli Esteri.


Governo Meloni: ottiene la fiducia al Senato


I destini incrociati di Berlusconi e Renzi, l’alleato ritrovato e l’avversario gentile

L’alleato riappacificato, l’avversario gentile. Se Giorgia Meloni si trova a giocare in casa, nel secondo round in Senato, è anche per merito di Silvio Berlusconi e Matteo Renzi. Uno in maggioranza, l’altro all’opposizione. Ma entrambi capaci di susicitare applausi (il Cavaliere) e aperti sorrisi (l’ex rottamatore) da parte della presidente del Consiglio.

Sottosegretari, la trattativa. FI reclama Editoria e Giustizia. No a Valentini agli Esteri

Giustizia, Editoria, Mise (che controlla le telecomunicazioni). Sono le tre caselle chiave, dove Silvio Berlusconi punta a piazzare la bandierina di FI, per interposti sottosegretari, e marcare stretto l’operato del governo. Incassata la doppia fiducia a Camera e Senato, Giorgia Meloni intende chiudere rapidamente l’ultimo dossier legato alla formazione dell’esecutivo.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source