I bastardi di Pizzofalcone stanno tornando: caccia al responsabile del finale con il botto

Pubblicità
Pubblicità

“Nessuno resterà impunito. I Bastardi stanno per tornare”. L’avvertimento è nel trailer, appena rilascato, della terza stagione della serie I bastardi di Pizzofalcone, tra le più attese della prossima stagione di Rai 1. Qualcuno, in effetti, dovrà pagare per quel che è accaduto nel finale della seconda stagione, un colpo di scena che ha lasciato a bocca aperta il pubblico di affezionati suscitando anche proteste social per l’epilogo inaspettato.

Nata dai libri di Maurizio De Giovanni (pubblicati da Einaudi Stile Libero) scrittore napoletano prolifico e amato anche per le riduzioni televisive delle sue storie (non solo I bastardi, anche Mina Settembre e Il commissario Ricciardi), la serie segue le vicende della squadra di poliziotti guidata dall’ispettore Giuseppe Lojacono, Alessandro Gassmann, a capo di un casta affiatato che comprende – tra gli altri – Carolina Crescentini, Antonio Folletto, Tosca d’Aquino, Massimiliano Gallo, Gianfelice Imparato, Simona Tabasco, Matteo Martari. Per loro, casi da risolvere, ma anche vite private da rimettere a posto, dai rapporti coniugali a quelli con i figli o con i genitori. La regia dei dodici episodi, divisi in 6 prime serate, è affidata a Monica Vullo. La serie è una coproduzione Rai Fiction-Clemart prodotta da Gabriella Buontempo e Massimo Martino.

Il cast della serie. Sopra, al centro, Carolina Crescentini e Alessandro Gassmann 

Il finale dell’ultima stagione, si diceva. Come ricorderà chi l’ha già visto, nell’episodio conclusivo i protagonisti erano riuniti intorno al tavolo di un ristorante per festegguare la chiusura di un caso complicato. Ad un tratto, un boato: un’esplosione fortissima che ha travolto tutti e tutto, lasciando lo spettatore in una nube di fumo e macerie. Chi ha piazzato la bomba? Ma soprattutto: ci saranno vittime? Chi sarà sopravvissuto all’attentato? A giudicare dalle immagini del trailer, nessuno dei personaggi principai dovrebbe esser rimasto coinvolto nella deflagrazione. Si intravede, tuttavia, una figura avvolta dalle fiamme, gli altri costretti a farsi luce con le torce degli smartphone.

SERIE TV

‘I bastardi di Pizzofalcone’, il finale che non t’aspetti: protesta social per l’ultima puntata

E’ il momento di indagare e scoprire i responsabili. Capire perché nel mirino ci fosse proprio la squadra di Lojacono. Spetterà proprio all’ispettore mettere insieme i pezzi:inizia una indagine nascosta, lunga e complessa, che deve fare i conti anche con i metodi scorretti e inefficienti di un procuratore mandato a Napoli da Roma. E con l’arrivo di un nuovo commissario a Pizzofalcone: Elsa Martini, appena prosciolta da un processo per la morte di un pedofilo. La sua presenza spariglia le logiche del gruppo e su di lei aleggia il sospetto: ha davvero ucciso un uomo a sangue freddo? E’ stata dichiarata innocente, ma non si sono mai spente le voci di una vera e propria esecuzione.

Sullo sfondo – ma anche al centro delle vicende – c’è Napoli, il suo doppio volto di tradizione e modernità, la sua bellezza e le sue ombre, la sua complessità da cui si generano miserie umane e delitti su cui la squadra è chiamata a indagare.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source