I due cuccioli dell’orsa Amarena: “Sono vivi ma non sono più insieme”

Pubblicità
Pubblicità

Amarena è stata la prima orsa uccisa nella storia del Parco nazionale d’Abruzzo. E mentre la procura indaga, i veterinari e i periti balistici visitano la casa del cacciatore indagato Andrea Leombruni a San Benedetto dei Marsi, una pattuglia presidia la sua casa, i cittadini fanno le ronde, si attende l’autopsia sull’animale fissata per domani e un’altra orsa, Gemma, divora dolci in un hotel a Scanno prima di andar via, ci si chiede pure: che fine hanno fatto i suoi due cuccioli d’orso bruno marsicano fuggiti dopo la morte della mamma? E come stanno?

“Dopo 4 giorni di ricerche ininterrotte abbiamo la consapevolezza che i cuccioli dovrebbero essere entrambi ancora vivi e che si sono separati”, si legge in una nota pubblicata su Facebook dal Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.

“Possiamo confermare che i 2 conspecifici sono molto mobili e attivi sul territorio tanto che sono stati avvistati nei dintorni di 2 centri abitati situati nel perimetro del Parco, a circa 25 km di distanza da San Benedetto dei Marsi, anche se in momenti diversi – è scritto nel post del Pnalm – Proseguono e proseguiranno senza sosta le attività di ricerca, con l’obiettivo di tentare una cattura, ove necessario, e confermare l’effettiva separazione dei due cuccioli in luoghi diversi, escludendo così la possibilità di un doppio avvistamento dello stesso cucciolo”.

“A margine degli aggiornamenti sulle operazioni di ricerca, è importante sottolineare che la loro mobilità è un elemento che fa ben sperare sulle condizioni di salute dei cuccioli e sulla loro capacità di sopravvivenza”, prosegue il post.

“Giorni e notti terribili – si conclude – in cui, mentre imperversano senza sosta le attività di ricerca dei cuccioli, abbiamo avuto modo di leggere la grande quantità di articoli, appelli e opinioni che sono circolati sui giornali, sulle televisioni e sui social. Dopo lo sconforto e lo stress dei giorni passati, ci teniamo particolarmente a ringraziare i tanti e le tante che sin da subito hanno fatto sentire la loro vicinanza, e anche quelli che non l’hanno fatto. Come accade spesso in queste situazioni si sono presto materializzate le inevitabili polarizzazioni, sul gesto e sulle regioni di chi ha sparato ma anche sulla gestione operata dal Parco in merito alle questioni sempre complesse degli orsi confidenti”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *