I Maneskin conquistano New York: sul palco la bandiera rainbow “Progressive”

Pubblicità
Pubblicità

La band romana si è esibita mercoledì sera al Bowery Ballroom a Manhattan per il primo live negli Stati Uniti davanti a un pubblico in delirio. Nel giorno in cui il Senato italiano bocciava il disegno di legge Zan contro l’omotransfobia, la misoginia e l’abilismo, Damiano, Thomas, Victoria e Ethan hanno cantato sul palco dove sventolava la bandiera arcobaleno nella sua versione più inclusiva, quella chiamata “Progress Pride Flag” ideata dal graphic designer Daniel Quasar, e diventata popolare durante le proteste del movimento Black Lives Matter nel 2020. Alla tradizionale bandiera arcobaleno a sei strisce di Gilbert Baker, si aggiunge un triangolo laterale a sinistra formato da altre quattro di colore nero per i morti di Aids, marrone per le persone afroamericane, azzurro, rosa e bianco per le persone transgender. I prossimi appuntamenti americani dei Maneskin sono il primo novembre al Roxy Theatre di Los Angeles e poi, evento epocale, l’apertura del concerto dei Rolling Stones a Las Vegas il 6 novembre. Leggi l’articolo

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source