I Simpson, un fidanzato per Smithers: come è nata la puntata dedicata all’amore gay

Pubblicità
Pubblicità

“Non sono gay, ma posso imparare”. Era l’11 febbraio del 1993 e la battuta di Homer Simpson (detta per suggerire alla figlia Lisa come scaricare un ragazzo) riascoltata oggi ha qualcosa di profetico. Sì, perché i Simpson hanno davvero imparato molto in questi decenni e ora mettono a segno una piccola ma significativa rivoluzione: dopo 33 stagioni, per la prima volta una puntata è interamente dedicata a un amore gay. 

Il protagonista della love story è Waylon Smithers, che già nel 2016 (era la stagione 27) aveva fatto coming out. L’episodio, il numero 8 della serie in onda, è stato trasmesso lo scorso 21 novembre negli Usa. La puntata intitolata Portrait of a lackey on fire (in italiano Ritratto di un lacché in fiamme, una chiara citazione del film francese Ritratto di una donna in fiamme, celebrato proprio per il suo approccio a una storia d’amore Lgbtq), mostra il fedele e bistrattato tuttofare del signor Burns, proprietario della centrale nucleare e, praticamente, di tutta Springfield, in una appassionante storia d’amore con Michael De Graffl, miliardario e magnate della moda.

Una scena di ‘Portrait of a lackey’  Una relazione che potrebbe addirittura “distruggere Springfield”, come spiegato dallo storico sceneggiatore e produttore della serie Rob LaZebnik e da suo figlio Johnny (co-autore dell’episodio), il cui coming out è stato fonte di ispirazione per il padre per raccontare quello di Smithers.

Una scena di ‘Portrait of a lackey’  “Quando mio padre ed io abbiamo parlato di scrivere questo episodio, quello che era importante per me era vedere la relazione di Smithers crescere e prosperare. E portare quei momenti intimi sullo schermo. Due persone che parlavano di essere gay o di uscire insieme”, ha spiegato a The Av Club il giovane sceneggiatore che, quando Rob ha scritto l’episodio del 2016 The Burns cage in cui Smithers si è dichiarato gay, fungeva da “consulente non ufficiale”.

Johnny LaZebnik a destra con il padre Rob  “Sono passati esattamente cinque anni. Ed è stato così rivoluzionario per lo show affrontare questo tema finalmente allo scoperto e prendere posizione affermando qualcosa che già sapevamo: i Simpson amano i gay”, ha raccontato Johnny LaZebnik. “Avere una storia d’amore gay come storia principale di un episodio dei Simpson non credo sia mai successo. Ed è questo che è stato così eccitante per me”, ha aggiunto.

Simpson Lgbt: il coming out di Waylon Smithers

Dopo 26 stagioni anche Waylon Smithers, il premuroso assistente del signor Burns, farà coming out. La notizia non coglie impreparati gli affezionati del cartone animato, dato che l’orientamento sessuale di Smithers è stato suggerito in più di un’occasione dagli autori dello show. “A Springfield sono in molti a sapere della sua omosessualità, ma ovviamente Burns non sospetta nulla”, annunciava a giugno scorso Al Jean, produttore della serie. ”Ce ne occuperemo in due episodi”. Matt Groening, dopotutto, si è sempre dimostrato molto aperto sull’argomento: oltre ad aver dedicato più di una puntata alle discriminazioni delle persone lgbt nel mondo (e soprattutto in Usa), ha già fatto fare coming out a due personaggi molto amati della serie: si tratta di Patty, la sorella di Marge e Duffman, muscoloso testimonial della birra Duff

Parlando del passato di Smithers nello show, lo sceneggiatore ha sottolineato che si tratta di un personaggio “davvero particolare, perché non è uno di quei gay stereotipati e sgargianti che si possono vedere in così tanti show e nei cartoni animati anni 90. È probabilmente il personaggio più sobrio della serie”.

“Continuare ad aggiungere qualcosa a quell’eredità e a quella storia è fantastico. E penso che abbiamo fatto davvero un ottimo lavoro in questo episodio nel rimanere fedeli al suo personaggio e allo stesso tempo a dare corpo alla sua esistenza come persona reale”, ha spiegato ancora.

Johnny LaZebnik  E per quanto riguarda le frasi sulla sessualità di Smithers, che in passato vari personaggi della serie hanno pronunciato, LaZebnik non ha nascosto di amare molto quelle battute: “Ci sono così tanti momenti nella storia dei Simpson che sono amati dalla comunità gay, anche se non voglio parlare come loro ambasciatore”, ha concluso.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source