Iacopo Melio, campione delle preferenze a Firenze: ha fatto solo campagna elettorale online

La Republica News

Ha fatto campagna elettorale da dentro le stanze della sua casa. E su Facebook, due giorni fa, ha scritto: “Dopo sette mesi esco soltanto per votare. Alle otto del mattino, accompagnato da una leggera pioggia e l’aria fresca. Ho respirato una bella sensazione di libertà. La stessa che vorrei provare martedì svegliandomi in una Toscana aperta, democratica e attenta ai diritti di tutte e tutti, senza discriminare nessuno”. E’ stato accontentato. Il desiderio, adesso si può toccare, è una realtà. Iacopo Melio ha ottenuto 11.233 preferenze nelle elezioni regionali, record assoluto a Firenze. Ha debuttato come capolista per il Pd nel collegio della città-capoluogo facendo il pieno dei voti.Ventotto anni, costretto su una carrozzina, il ragazzo che ha creato la onlus #vorreiprendereiltreno, che ha animato decine di battaglie sulla disabilità, per i diritti umani e civili e che per il suo impegno è stato nominato Cavaliere al Merito dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, si è imposto sui compagni di lista. Ha battuto anche volti popolari e politici navigati come Cristina Giachi, vice sindaca di Firenze, che ha raccolto 10.958 voti e come l’assessore al welfare di Palazzo Vecchio, Andrea Vannucci, arrivato terzo con 8.011 preferenze. Meglio di Iacopo Melio hanno fatto in pochi, uno è Leonardo Marras, capogruppo uscente dei Dem, che a Grosseto ha preso 18mila preferenze, un altro l’ex assessore Vincenzo Ceccarelli, 14mila ad Arezzo.  Ma con una differenza abissale: Marras, come gli altri candidati, ha potuto andare in giro, strada per strada, piazza per piazza a parlare con la gente, a bussare alle porte, a tenere comizi, a presenziare a cene e incontri dei più classici calendari da campagna elettorale. Iacopo Melio, no. 


Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi