Il Covid Una banale influenza. Pericoloso il vaccino. Sanzionati 10 medici negazionisti altri 3 sotto inchiesta. Andrebbero radiati

“Il Covid? Una banale influenza. Pericoloso il vaccino”. Sanzionati 10 medici ‘negazionisti’, altri 3 sotto inchiesta. “Andrebbero radiati”

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

Hanno detto che non esiste, sostenuto che fosse poco più di una influenza stagionale, hanno opposto riserve di nessuna rilevanza scientifica sul vaccino. E così 13 medici ‘negazionisti’ del Covid e no-Vax  sono finiti sotto inchiesta da parte dell’Ordine dei medici di Roma. Le loro ‘tesi’ tanto quanto le improvvisate esternazioni sono comparse in tv e sui social, le loro fake news hanno depistato, confuso e disinformato i pazienti.

Allarme Rsa, spuntano i ‘santoni-no vax”. Tre operatori su 10 rifiutano l’iniezione
28 Dicembre 2020

Per questo, come rende noto il presidente dell’Ordine della capitale, Antonio Magi dovranno rendere conto in un procedimento disciplinare già aperto. Per dieci di loro (sanzionati per aver disconosciuto il vaccino antinfluenzale) l’iter si è già concluso, mentre per gli altri tre è tutt’ora in corso. Questi ultimi hanno espresso pubblicamente opinioni sul Covid non legate alle evidenze scientifiche e sono ancora sotto indagine interna per aver diffuso teorie mai provate sul Sars-Cov-2.
“Uno dei tre – dice Magi – ha già risposto alle domande di rito, per gli altri due siamo ancora in attesa. Aspettiamo che si concludano i tempi di risposta. Poi la Commisione si riunirà e deciderà se archiviare il caso o andare avanti. Dobbiamo aspettare almeno metà gennaio prima di conoscere l’esito. Entro febbraio-marzo pensiamo di chiudere la pratica”.
Magi è chiaro nella sua posizione di paladino “pro vax”: “Non è una caccia alle streghe – precisa – ma ho l’obbligo deontologico, seppur non giuridico, di sanzionare chi dichiara il falso, chi dà informazioni non corrette alla popolazione va punito. C’è un codice etico da seguire. E noi abbiamo il dovere civico e morale di vaccinarci e di vaccinare. Capisco che possano esserci perplessità poiché la sperimentazione è stata veloce, a differenza degli altri vaccini, ma è pur vero che sono stati investiti molti soldi per bruciare i tempi visto l’urgenza, la necessità assoluta”.

Covid, Polimeni, rettrice Sapienza: “Il vaccino, una luce in fondo al tunnel”
28 Dicembre 2020
L’imperativo, insomma, è vaccinare tutta la popolazione entro il 2021 e raggiungere quanto prima la cosiddetta immunità di gregge. “In questo caso – prosegue Magi – essendo il covid una pandemia che ha portato milioni di morti, era auspicabile l’obbligatorietà del vaccino, ma questa è una scelta politica non medica. Dire di no è, purtroppo, un diritto costituzionale”.
Vale anche per gli infermieri che lavorano nelle Rsa, a stretto contatto con anziani e persone fragili, ostili al vaccino e spaventati dagli effetti che lo stesso può provocare. “Ma la costituzione deve prevedere anche il bene comune”. Perché il Covid-19 uccide. A differenza di quanto affermano i negazionisti in camice bianco: “Bisogna radiare dell’ordine, se necessario, chi afferma il falso”, insiste Magi.
“Il 69,8% dei medici ha già dato il suo consenso a vaccinarsi”. Ma c’è ancora chi dice “non c’è il covid”, “è una montatura”, “è come se fosse un’influenza”, rischia di andare in Commissione disciplinare e di essere ammonito, censito, sospeso o perfino radiato. “L’esito dipende dalle dichiarazioni e dalla gravità di quello che è stato detto”.
Da mesi, sotto i riflettori c’è pure un medico antivaccinista ardeatino della Asl Roma 6, che parla di “terrore sanitario” e che, fino a pochi giorni fa, su Facebook, lanciava pillole anti-Covid: “Lo sapete – ha scritto – che la pandemia non è mai stata dichiarata dall’Oms ma solo il rischio pandemico, e quindi questa clausura è illegale?”.
E poi ancora, “lo sapete che il virus non provoca la polmonite interstiziale che stanno curando, ma trombosi pomonare e, quindi, gli intubati sono stati, di fatto, uccisi?”. “Negare l’esistenza del Covid è di una gravità estrema – insiste Magi – Ci sono milioni di morti di covid nel mondo. E tra questi anche medici, molti dei quali erano tornati dalla pensione per dare una mano. Non c’è rispetto neppure dei colleghi deceduti, né tanto meno delle loro famiglie”.



Go to Source